Uno scienziato tedesco ha previsto nel 1952 che "ELON" sarebbe stato associato alla colonizzazione di Marte

22 Giugno, 2017 |Tag: Esopolitica | from Author

Elon-specifica Elon Musk-sarà per sempre associato a Marte,

Nel 1952, Wernher von Braun, uno scienziato tedesco, considerato uno dei più importanti progettisti di razzi del ventesimo secolo, era il capo di progettazione del razzo V-2, così come il razzo di Saturno V, che ha portato l'umanità sulla Luna, prevedeva che il nome ELON sarebbe stato fortemente associato alla colonizzazione del pianeta rosso.
Anello e campane familiari? Elon Musk, il genio dietro lo SapceX e Tesla Motors, è il principale leader del nostro sforzo per colonizzare il nostro prossimo pianeta Marte. La società SpaceX di Elon Musk ha già fatto la storia in più di un modo e continua a rompere i confini creando veicoli spaziali a basso costo e di efficienza energetica che un giorno - speriamo presto - porteranno l'umanità su Marte.
Se SpaceX fa il successo nei loro sforzi, Elon-specifica Elon Musk-sarà per sempre associato a Marte.
Ma come potrebbe avere Wernher von Braun-Un ingegnere aerospaziale tedesco e l'uomo dietro lo sviluppo di una delle armi naziste più avanzate, il razzo V-2 - a sapere queste cose nel 1952?
Wernher Magnus Maximilian Freiherr von Braun è stato un ingegnere meccanico e aerospaziale tedesco, nazionalizzato nel 1955 per essere integrato nella NASA. È considerato uno dei più importanti designer del razzo del ventesimo secolo e fu il capo di progettazione del razzo V-2, così come il razzo di Saturno V, che ha portato l'umanità alla Luna.
Nella sua ricerca di sviluppare grandi razzi, si è unito all'esercito tedesco e ha sviluppato missili balistici prima che Adolf Hitler venisse al potere nel 1933 e fu successivamente assegnato alle SS nel 1940. Mentre la sua destra - Ernst Stuhlinger - ha dichiarato in un'intervista, Von Braun aveva difficoltà ad accettare l'offerta di unirsi alle SS. Durante la sua opera per l'esercito, von Braun ha ottenuto un dottorato in ingegneria aerospaziale il 27 luglio 1934.
Nonostante la sua collaborazione con l'esercito tedesco, Von Braun ha avuto difficoltà con la Gestapo mentre ha confermato pubblicamente che non si preoccupava molto dell'obiettivo di Hitler; E che tutto quello che si preoccupava erano viaggi interplanetari. All'inizio del 1945 era evidente che la Germania non avrebbe ottenuto la vittoria nella guerra, quindi Von Braun cominciò a pianificare il suo futuro nel dopoguerra.
Von Braun era in grado di contattare gli Alleati e preparare la sua resa alle forze americane, che svilupparono l'Operazione Paperclip per catturare gli scienziati tedeschi e metterli al servizio del partito alleato. Von Braun si arrese insieme a 500 altri scienziati che consegnano attrezzature, disegni e diversi veicoli di prova. Stava per essere catturato dai sovietici, che volevano integrare lui e molti altri scienziati nella squadra guidata dal sergente Koroliov.
Una volta negli Stati Uniti, Von Braun ed i suoi collaboratori sono stati invitati a cooperare con la Forza aerea degli Stati Uniti e, in cambio, sarebbero stati esonerati dalla colpa per il loro passato nazista. Von Braun è diventato ufficialmente cittadino degli Stati Uniti d'America il 14 aprile del 1955.
Ma Von Braun era innamorato dello spazio, del viaggio spaziale ed era estremamente interessato a sviluppare un sistema di propulsione rivoluzionario che potesse trasportare persone non solo sulla luna ma anche su Marte. E mentre ha giocato un ruolo cruciale per aiutare a portare l'umanità alla superficie della luna, Van Braun ha pubblicato diversi articoli teorici e non-fiction che hanno spiegato la colonizzazione di Marte e come costruire una stazione spaziale e metterla in un'orbita stabile intorno al nostro pianeta.
Curiosamente, in una di quelle opere scritte da Von Braun era The Mars Project, pubblicata nel 1952 ed è considerato stranamente profetica secondo molti.
Il progetto Mars è una specifica tecnica per una spedizione su Marte. È stato scritto da von Braun nel 1948 ed è stato il primo "disegno tecnicamente completo" per una tale spedizione. Il libro è stato descritto come "il libro più influente sulla pianificazione delle missioni umane su Marte".
Nel libro, Von Braun ha spiegato che, come missione gestita sul pianeta rosso, alla fine, non solo nella colonizzazione di Marte, ma nella creazione di un governo autonomo marziano.
Von Braun ha immaginato "un'enorme spedizione scientifica" che coinvolge una flotta di dieci veicoli spaziali con 70 membri dell'equipaggio che trascorrono 443 giorni sulla superficie di Marte prima di tornare sulla Terra.
La navicella spaziale, sette navi passeggeri e tre navi cargo sarebbero tutte assemblate in orbita terrestre utilizzando materiali forniti da navette spaziali riutilizzabili. La flotta utilizzerebbe un propellente di acido nitrico / idrazina che, sebbene corrosivo e tossico, potrebbe essere immagazzinato senza frigorifero durante il viaggio di andata e ritorno a Marzo di tre anni.
Von Braun ha calcolato la dimensione e il peso di ciascuna nave e la quantità di carburante che ciascuno di essi avrebbe richiesto per il viaggio di ritorno (5.320.000 tonnellate).
Le traiettorie di Hohmann sarebbero usate per spostarsi dalla Terra all'orbita di Mars, e von Braun ha calcolato ogni bruciore di razzo necessario per eseguire le manovre necessarie.
Stranamente, Von Braun ha parlato del governo su Marte e ha detto che invece dei Presidenti, i governanti della colonia avrebbero ottenuto il titolo di "Elon".
"Il governo marziano è stato diretto da dieci uomini, il cui dirigente è stato eletto per suffragio universale per cinque anni e intitolato" Elon ". Due case del Parlamento hanno adottato le leggi da amministrare dall'Elon e dal suo gabinetto. La Camera Superiore è stata chiamata il Consiglio degli Anziani ed è stata limitata ad un numero di membri di 60 persone, ognuno dei quali è stato nominato per la vita da parte dell'Elon come posti vacanti verificatisi dalla morte ".
Ovviamente, in quel momento Elon non aveva un significato particolare, e la parola probabilmente derivava dalla parola ebraica Elon che significa "albero di quercia" ed è definita come grande conoscenza e saggezza, probabilmente perché Von Braun lo usò in primo luogo.
Tuttavia, è ancora incredibilmente interessante che oltre mezzo secolo fa qualcuno ha parlato di una parola che sarebbe diventata più di 50 anni dopo qualcosa notevolmente associato a Marte: Elon Musk.

Elnglish Version

A German scientist predicted in 1952 that “ELON” would be associated with the colonization of Mars

In 1952, Wernher von Braun—a German scientist, considered as one of the most important rocket designers of the twentieth century, and was the design chief of the V-2 rocket, as well as the Saturn V rocket, which took mankind to the Moon— predicted that the name ELON would be heavily associated with the colonization of the red planet.
Ring and familiar bells? Elon Musk, the genius behind SapceX and Tesla Motors is the leading mastermind behind our species’ effort to colonize our neighboring planet Mars. Elon Musk’s SpaceX company has already made history in more than one way and continues to break boundaries by creating low-cost and energy efficient spacecraft that may one day—hopefully soon—take mankind to Mars.

If SpaceX does success in their efforts, Elon—specifically Elon Musk—will forever be associated with Mars.
But, how could have Wernher von Braun—A German aerospace engineer and the man behind the development of one of the most advanced Nazi weapons, the V-2 rocket—have known about it in 1952?

Wernher Magnus Maximilian Freiherr von Braun was a German mechanical and aerospace engineer, nationalized in 1955 in order to be integrated into NASA. He is considered as one of the most important rocket designers of the twentieth century and was the design chief of the V-2 rocket, as well as the Saturn V rocket, which took mankind to the Moon.

In his quest to develop large rockets, he joined the German army and developed ballistic missiles before Adolf Hitler came to power in 1933, and was later assigned to the SS in 1940. As his right hand—Ernst Stuhlinger— said in an interview, Von Braun had difficulty accepting the offer to join the SS. While performing his work for the Army, von Braun obtained a doctorate in aerospace engineering on July 27, 1934.

Despite his collaboration with the German army, Von Braun had trouble with the Gestapo as he publicly confirmed that he cared little for Hitler’s goal; and that all he cared about was interplanetary travel. By early 1945 it was obvious that Germany would not achieve victory in the war, so Von Braun began to plan his future in the postwar period.

Von Braun was able to contact the Allies and prepared his surrender to the American forces, who developed Operation Paperclip to capture German scientists and put them in the service of the Allied side. Von Braun surrendered along with 500 other scientists handing over equipment, designs, and several test vehicles. He was about to be captured by the Soviets, who wanted to integrate him and many other scientists in the team led by Sergeant Koroliov.

Once in the United States, Von Braun and his collaborators were urged to cooperate with the US Air Force, and in return, they would be exonerated of guilt for their Nazi past. Von Braun officially became a citizen of the United States of America on 14 of April of 1955.
But Von Braun was in love with space, space travel and he was extremely interested in developing a revolutionary propulsion system that could transport manned rockets not only to the moon but to Mars as well. And while he played a crucial role in helping bring mankind to the surface of the moon, Van Braun published several theoretical and non-fictional papers that explained the colonization of Mars and how we would construct a space station and place it into a stable orbit around our planet.

Curiously, in one of those works written by Von Braun was The Mars Project, published in 1952 and is considered strangely prophetical according to many.

The Mars Project is a technical specification for a manned expedition to Mars. It was written by von Braun in 1948 and was the first “technically comprehensive design” for such an expedition. The book has been described as “the most influential book on planning human missions to Mars”.

In the book, Von Braun explained that as managed mission to the red planet would eventually result, not only in the colonization of Mars but in the establishment of an autonomous Martian government.

Von Braun envisioned an “enormous scientific expedition” involving a fleet of ten spacecraft with 70 crew members that would spend 443 days on the surface of Mars before returning to Earth.

The spacecraft, seven passenger ships, and three cargo ships would all be assembled in Earth orbit using materials supplied by reusable space shuttles. The fleet would use a nitric acid/hydrazine propellant that, although corrosive and toxic, could be stored without refrigeration during the three-year round-trip to Mars.

Von Braun calculated the size and weight of each ship, and how much fuel each of them would require for the round trip (5,320,000 metric tons).

Hohmann trajectories would be used to move from Earth to Mars orbit, and von Braun computed each rocket burn necessary to perform the required maneuvers.
Strangely, Von Braun spoke about the government on Mars and said that instead of Presidents, rulers of the colony would be given the title of “Elon”.
“The Martian government was directed by ten men, the leader of whom was elected by universal suffrage for five years and entitled “Elon.” Two houses of Parliament enacted the laws to be administered by the Elon and his cabinet. The Upper House was called the Council of the Elders and was limited to a membership of 60 persons, each being appointed for life by the Elon as vacancies occurred by death.”

Obviously, at that time Elon had no particular significance, and the word most likely derived from the Hebrew word Elon meaning “oak tree” and is defined as great knowledge and wisdom, most likely why Von Braun used it in the first place.

Hover, nonetheless, it is still incredibly interesting that over half a century ago, someone spoke out a word that would become more than 50 years later something greatly associated with Mars: Elon Musk.


https://www.filosofiaelogos.it

Fonte