UFO in Antartide: File UFO inglesi declassificati rivelano dettagli mozzafiato di UFO Encounter!

26 Luglio, 2018 |Tag: Ufologia | from Author

I cacciatori di UFO considerano questa prova ufficiale, decisiva e indiscutibile.



I cacciatori di UFO considerano questa prova ufficiale, decisiva e indiscutibile che un UFO è stato avvistato sull'Isola degli inganni il 2 luglio 1965, volando in strani e misteriosi schemi attraverso il cielo.

Nel luglio del 1965, 18 anni dopo il famigerato Roswell UFO Crash, i giornali di tutto il mondo annunciavano usando titoli sensazionalistici che gli UFO erano stati visti oltre l'Antartide, in particolare dal Distaccamento Navale delle Orcadi (Argentina) e da altre tre basi che operavano su Deception Island: uno dal Cile, un altro britannico e il terzo, l'Argentina.

Si è anche detto che quei tre paesi avevano ufficialmente riferito l'evento. Tuttavia, fino ad ora il rapporto britannico è rimasto un mistero totale.

Dopo l'incontro UFO, sono emersi quattro rapporti ufficiali: sono stati pubblicati quattro rapporti ufficiali, due dell'FACh (Cilean Air Force) e altri due rilasciati dalla Marina argentina. Tuttavia, il Regno Unito è rimasto in silenzio.

Tuttavia, sembra che l'evento accaduto nel luglio del 1965 sia stato riportato e catalogato dal British Antarctic Survey. Solo di recente i documenti sono diventati disponibili al pubblico.

L'ufficiale aeronautico brasiliano Rodrigo Moura Visoni è stato l'uomo responsabile della scoperta dei file declassificati appartenenti alla U.K.
Il documento è un rapporto che parla dell'avvistamento UFO che si è verificato su Deception Island da un punto di vista britannico.

Nel documento declassificato, possiamo vedere chiaramente le credenziali su un lato e non ci sono cancellature e parti oscurate. Il file porta la carta intestata del British Antarctic Survey (BAS), è indirizzato al Ministro della difesa RA Langton ed è firmato dal direttore del BAS, il famoso spedizioniere antartico Sir Vivian Fuchs.

È datata 22 ottobre 1965:

Il 12 luglio di quest'anno la British Antarctic Survey Base su Deception Island (62 ° 59 'S, Long. 60 ° 34' O) ha riportato quanto segue, che cito come richiesto:

"Base argentina (su Deception Island osservò una luce colorata in movimento il 7 giugno, il 20 e il 3 luglio. Base cilena (anche su DEception (fece osservazioni simili sulle ultime due date. Luce tremolante rosso-verde-gialla osservata dalla British Base 2300 Z 2 luglio muore verso nord, si è mosso rapidamente da due onde da ovest, poi ha invertito la rotta per un breve tratto prima di tornare nuovamente a nord dove è rimasto fermo per circa 20 minuti ".
Io questo dovrei commentare che la nostra gente nell'Antartico non ha considerato l'evento importante abbastanza da commentare fino a quando non è stato chiesto. Ho richiesto informazioni a causa delle pressioni di B.B.C., N.B.C e della stampa che stavano agendo su un notiziario diffuso dall'Argentina.

Cordiali saluti,

Si ritiene che l'intera catena di eventi sia iniziata quando, il 7 giugno 1965, il meteorologo Jorge Stanich della base argentina osservò un oggetto stazionario giallo brillante a una distanza di 2.000 metri nel cielo, che scomparve dopo essersi fermati lì, alcuni momenti .

Secondo Stanich, l'oggetto enigmatico ha un diametro di circa 50 metri. Stanish ha visto lo stesso oggetto il giorno seguente.

Il 18 giugno, un altro avvistamento di massa si è verificato sopra la base cilena, anche su Deception Island. Una grande luce a zig-zag che cambiava i colori da giallo a verde e rosso era visibile per circa 15 minuti.

Il 3 luglio, nove membri della stessa base osservarono per 20 minuti manovre di quella che chiamavano "una massa luminosa, a forma di lenticolare" che occasionalmente cambiava colore, e si muoveva attraverso il cielo ad alta velocità.

Due minuti dopo lo stesso oggetto è stato visto da 17 persone sopra la base argentina sulla stessa isola in un lasso di tempo di circa un'ora.

Immagine in evidenza Credito: Anomalia della Groenlandia di Julian Faylona. Immagine pubblicata con permesso.

https://www.filosofiaelogos.it

Fonte