Home

Trapelato un documento della NASA che Conferma che il motore EM Drive funziona davvero!

 
09 Novembre, 2016 | Categoria : Spazio | Commenti
homepage

emdrive

Alcune fantastiche persone hanno dato notizia su alcuni documenti trapelati dalla NASA sui motori Emdrive che indicherebbero che essi funzionano davvero, ed oggi verrebbero già utilizzati nella stazione spaziale cinese con la navetta telecomandata.

Perché questo è importante? Poiché l' Emdrive può arrivare sulla luna in meno di 4 ore! Ci sono voluti quattro giorni e mezzo con l' Apollo 14 ! Questo è solo mind-blowing l' Emdrive ci porterà su Marte in 70 giorni. Ecco perché è importante.

Il Emdrive è finito e, rispetto al Star Trek Enterprise del film è di velocità inferiore e la sua massima velocità viene chiamata "impulso."
Scott C. Waring-Taiwan

da: http://www.altrogiornale.org/nasa-il-motore-rivoluzionario-emdrive/

Nel lontano 2000, l’ingegnere aerospaziale Roger J. Shawyer ha sviluppato questa tipologia di propusore per la società Satellite Propulsion Research LTD. Solo oggi la notizia sta facendo scalpore dopo le conferme della NASA e di vari articoli che sostengono possa creare “energia dal nulla” contro le normali leggi della fisica, scatenando la felicità di chi ha sempre sostenuto che i governi ci nascondono il segreto per l’energia infinita. Su internet sono disponibili paper scientifici in inglese e riassiunti dello stato dell’arte, partendo da alcuni importanti test effettuati in Cina nel “lontano” 2010.

Cosa distingue questo Emdrive rispetto ai normali propulsori?

Facciamo prima di tutto una precisazione: stiamo parlando di propulsori che funzionano nello spazio e quindi nel vuoto senza attriti, sarebbero quindi inutili ed inefficienti sulla terra. Per esempio, con 2,5kw di potenza hanno generato una spinta di 720mN, ovvero 0.07kg. Capite che una piccola auto elettrica con 2,5kw riesce a muoversi almeno ai 20 all’ora, ma con un motore del genere non si muoverebbe di un millimetro. Nello spazio invece, un auto elettrica non farebbe un millimetro, mentre questo propulsore potrebbe spostare agilmente una navicella spaziale.

Esistono diversi tipi di propulsori pensati per lo spazio, dai normali razzi, ai getti di aria compressa, ai getti di gas ionizzati (propulsione ionica). Tutti questi sistemi sono comunemente usati su sonde, satelliti o nell’ormai in pensione Space Shuttle.

Il problema di questi propulsori è l’utilizzo di un certo tipo di carburante (miscele combustibile-comburente, aria compressa, gas etc..) che prima o poi finirà, quindi considerando viaggi spaziali a lunga percorrenza, il limite è posto dalla quantità di carburante immagazzinabile. Più carburante più peso, più peso più è costoso e pericoloso il lancio. Tutte cose controproducenti.

Prendiamo invece il nostro EmDrive: pare che riesca, sfruttando semplicemente l’elettricità, a generare una debole (per noi sulla terra) spinta, mentre nello spazio ha una forza sufficiente a spostare un oggetto. Non servono carburanti di nessun tipo, solo e semplicemente elettricità! Normalmente vengono utilizzati nello spazio efficientissimi pannelli solari (il sole non è schermato dall’atmosfera come sulla terra) oppure anche piccoli reattori nucleari, in grado di produrre elettricità per tempi lunghissimi. Quindi il problema combustibile potrebbe considerarsi risolto, sviluppando e perfezionando questo tipo di propulsione.

Ma come funziona nel dettaglio?

A novembre 2010 l’Accademia delle Scienze cinese, pubblica i suoi risultati dei test con 2,5kw di energia ad una frequenza di 2,45Ghz (molto simile come potenze e frequenza ad un normale microonde!) il funzionamento del sistema è questo:

emdrive-248x300

molto banalmente, abbiamo un magnetron (un risuonatore che genera onde alla frequenza voluta come nel microonde) e le manda all’interno di una guida d’onda, ovvero un imbuto metallico con lo scopo di concentrare queste onde verso una singola direzione. Tanto è bastato per ottenere, nel vuoto, una spinta di 720mN.

Gli scientiziati hanno trattato con scetticismo questo motore perché non c’è apparentemente un principio di azione/reazione: se dagli ugelli sparo un gas, questo si allontana da me e mi spinge nella direzione opposta. Ma se effettivamente tutto avviene all’interno del motore senza emissioni? Dovrebbe violare la legge di conservazione del momento. In realtà, spiega Shawyer (l’ideatore), non c’è alcuna violazione delle leggi attuali della fisica.

Consideriamo una pallina da biliardo che colpisce un’altra pallina in quel momento ferma: la pallina in movimento nel caso migliore si ferma e la pallina che non si muoveva prende a muoversi ad una velocità simile a quella che l’ha colpita. Questa si chiama conservazione del momento. Le onde elettromagnetiche (radio) possiamo considerarle composte da minuscole “palline” chiamate fotoni. Questi tuttavia hanno massa zero, quindi teoricamente non c’è alcun momento da conservare. In realtà però, i fotoni trasportano un momento, calcolato dividendo l’energia del fotone per la velocità della luce ( quindi q=e/c ). L’energia del fotone si calcola moltiplicando la sua frequenza (nel nostro caso 2,45Ghz) per la costante di plank.

Ma i fotoni escono dalla guida d’onda e non hanno nulla con cui scontrarsi e si propagano nello spazio vuoto, come possono creare una spinta?

emdrive21-248x300

In realtà la guida d’onda ha questo nome perché fa convergere tutti i fotoni (in rosso) verso la stessa direzione, quindi essi collidono con la parete della guida d’onda trasferendo parte del momento che diventa l’effettiva spinta del motore (in blu). Vista la forma della guida d’onda, con le varie collisioni la spinta totale sarà sbilanciata verso una direzione in particolare rispetto all’altra.

Tuttavia, la conservazione del moto ci insegna che se un sistema è chiuso e nulla se ne esce, il bilanciamento totale delle forze lo mantiene comunque immobile. Un pò come salire su una barca a vela e tentare di muoverla soffiando sulla vela.

 

emdrive2

 

http://www.filosofiaelogos.it/

 

homepage

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under theGNU/GPL license