I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Tracce di un evento cosmico di enorme intensità tra gli anelli di accrescimento degli alberi [16]

05 Giugno, 2012 | Category :Attualità | Author: Fonte | Condividi | Commenti

Tree
I raggi cosmici sono particelle energetiche provenienti dallo spazio esterno. Si tratta di particelle subatomiche super cariche provenienti soprattutto dall’esterno del nostro Sistema Solare, come ad esempio dalle supernovae. Le fonti infatti includono esplosioni stellari, buchi neri, ma non solo. A differenza dei protoni solari, che sono relativamente facili da fermare con materiali come l’alluminio o la plastica, i raggi cosmici non possono essere completamente fermati da qualsiasi schermatura oggi conosciuta. Fra il 774 e il 775 d.C. la terra fu investita da una quantità abnorme di raggi cosmici emessi da qualche misterioso evento astronomico di enorme intensità: le tracce sono state trovate da ricercatori giapponesi negli anelli della sezione di tronchi di alberi. Negli anelli corrispondenti agli anni 774 e 775 – spiega il prof. Fusa Miyake e i suoi colleghi dell’università di Nagoya, che hanno pubblicato i risultati sulla rivista Nature – si nota rispetto agli anelli adiacenti un tasso di carbonio 14 (isotopo del carbonio prodotto dai raggi cosmici quando attraversano in grande concentrazione l’atmosfera terrestre) superiore dell’1,2%. Una percentuale 20 volte superiore a quella riscontrabile in conseguenza di attività solare particolarmente intensa.

I rilevamenti dell’equipe giapponese su due antichi cedri, spiega Nature, sono coerenti con quelli compiuti dagli scienziati statunitensi, che su alberi in Nord America ed Europa alcuni anni fa misurarono, con metodi meno precisi, un tasso di carbonio 14 superiore di circa il 7,2% nello spazio dei dieci anni fra il 775 e il 785 d.C. Cosa abbia prodotto l’irraggiamento, tuttavia, non è ancora noto, non essendo stato localizzato dagli astronomi. L’unica certezza è che una simile quantità di raggi cosmici non può essere stata prodotta dal Sole. “Solo due fenomeni conosciuti possono aver cambiato in questo modo l’intensità dei raggi cosmici in un solo anno: l’esplosione di una supernova (cioè l’esplosione catastrofica di una stella giunta al termine del suo ciclo vitale) o una tempesta di protoni” emessa da una massiccia eruzione sul Sole, stimano i ricercatori di Nagoya su Nature. Ma nessuno dei due fenomeni è stato registrato dalle cronache umane. “Allo stato delle nostre conoscenze, dunque, non siamo in grado di stabilire le cause del fenomeno“, conclude il prof. Mikaye.

First Page
First Page
First Page
Last Page

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license