I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

antico testo egizio intagliato sulla porta di un antico e sacro sito

eGYPT

Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l’UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME. Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l’UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME. Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l’inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso. Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l’eternità.”

Sempre di più le evidenze che indicano la presenza di vita vegetale (o vegetaloide) su Marte

   
01 Novembre, 2015 | Category : Ufologia | Author: Fonte | Commenti  

m39

Sono sempre di più le evidenze che indicano la presenza di vita vegetale (o vegetaloide) su Marte. Non solamente alberi ad alto fusto simili a Conifere terrestri, ma anche forme che sembrano proliferare sulle creste delle dune di sabbia marziane. Simili a certealghe
(sargassi) con strutture nastriformi che potrebbero servire sia come organi di sostegno che per la fotosintesi clorofilliana (come nei cactus). Certamente questi tegumenti devono essere molto efficienti per consentire lo scambio gassoso ad una pressione atmosferica così bassa e per trattenere il calore diurno dall’estremo freddo notturno, sempre nell’ipotesi che quelle piante siano di derivazione terrestre, giunte in un modo che non riesco ad immaginare. Se non sono evolute in loco assomigliando a quelle terrestri per convergenza evolutiva, ma tenderei ad escluderlo in quento l’evoluzione locale avrebbe comportato come sulla Terra una estrema varietà e distribuzione delle forme.


14
L’acqua nel sottosuolo di Marte certamente esiste per il semplice motivo che i suoi due componenti, idrogeno e ossigeno sono abbondantissimi. Dato che le rocce sono normalmente refrattarie al cambiamento di temperatura (termostatiche) probabilmente, col calore accumulato durante il giorno, l’acqua rimane allo stato liquid nel suolo anche durante le rigidissime notti marziane in cui la temperatura scende anche oltre i 50 gradi sottozero. Sebbene esistono evidenze di pozze e laghi ai acqua liquida sulla superficie, per cui i dati sulla temperatura media del pianeta sono contraddittori. Questo consentirebbe la sopravvivenza di organismi vegetali sul pianeta rosso.

32

In alcune eccezionali immagini (Fonte: NASA/JPL) si distingue anche sorta di radici forse scoperte dal movimento delle dune di sabbia a causa del vento. Certamente sono specie adattate al clima estremo del pianeta rosso (naturalmente dal punto di vista terrestre). Stiamo a vedere se il rover Curiosity nei suoi vagabondaggi incoccerà in qualcuno di questi esseri. Nel frattempo, leggete come i poteri forti vi prendono in giro con la loro sbobba:

FONTE

Fonte

Copyright © 2008 by PH-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license