I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Scienziati creano il polimero autorigenerante

   
15 Settembre, 2013 | Category : Attualità | Author: Fonte | Commenti  

Terminator

Gli scienziati spagnoli hanno creato un polimero capace di autorigenerarsi spontaneamente senza l’ausilio di alcun intervento esterno. Per questo motivo è stato soprannominato ‘Terminator’ a causa della sua somiglianza con il T-1000, robot capace di autorigenerarsi (autoripararsi).

“Il nuovo materiale potrebbe essere utilizzato per migliorare la sicurezza e la vita delle parti in plastica in prodotti di uso quotidiano, quali componenti elettrici, automobili e persino nella costruzione di case, cottage e altri biomateriali”- cosi commenta David Mecerreyes, specialista nella chimica dei polimeri presso l’Università dei Paesi Baschi, Spagna.

 

Questo primo polimero in grado di ‘auto-guarirsi’ a temperatura ambiente, è in grado di raggiungere la riparazione spontanea significativa in assenza di un catalizzatore. Gli scienziati hanno dimostrato che dopo essere stato tagliato a metà, per ri-assemblare i pezzi, questi mostrano una efficienza di riparazione pari al 97% in sole due ore. Questa notizia è stata riportata dai ricercatori sulla rivista  “Orizzonti dei Materiali” della Royal Society of Chemistry.

L’auto-guarigione di questi “elastomeri termoindurenti” è stato realizzato con materiali polimerici comuni semplici e a basso costo, ha detto il ricercatore Ibon Odriozola, un elettrochimico della Technologies Centro CIDETEC a San Sebastian. “Che la poliurea e poliuretano, che hanno una composizione chimica simile e proprietà meccaniche, potrebbero essere utilizzati in una vasta gamma di prodotti commerciali, il che rende questo sistema molto attraente per una facile e veloce applicazione in campo industriale”.

Fonte Segnidalcielo

 

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license