I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Recuperare il valore della politica per ridefinire la civiltà in Europa

Vota la News
20 Aprile, 2013 | Category : Attualità | Author: Fonte | Commenti  

Nuova-europa

“C’era una volta la democrazia che regnava in Europa poi l’abilità di uomini malvagi attraverso una falsa propaganda, intorno al rigore fiscale e alla moneta unica, propugnarono ai suoi civili popoli  un miraggio di benessere che solo in seguito compresero l’estensione del dramma a cui li stavano al contrario conducendo con il loro inganno: povertà diffusa, disoccupazione, suicidi, angosce esistenziali, depressione giovanile, scarso rispetto del valore umano……. dominarono lo scenario politico del loro tempo”. Se non interveniamo presto probabilmente in questo modo potrebbe cominciare il racconto storico della nostra epoca che i posteri  trasmetteranno tristemente alle loro generazioni. L’Unione Europea deve inevitabilmente riacquisire forme decenti di democrazia. Dalla sua costituzione ha da un lato progressivamente limitato le sovranità nazionali degli Stati membri e da un altro lato ha permesso decisioni finanziarie alla BCE (Banca Centrale Europea) aprendo una grave, quanto assurda, ingerenza politica alle istituzioni bancarie. L’austerità fiscale imposta dalla BCE e mascherata dietro l’inganno di un falso benessere è al contrario  finalizzata all’arricchimento di quelle poche famiglie di banchieri mondiali dominate da lugubrazioni che le proiettano inevitabilmente verso una tragedia umana di immane dimensione. Una politica fiscale, quella della BCE,  che penalizza il sistema imprenditoriale trascinando interi Paesi comunitari come l’Italia a una depressione economica spaventosa con milioni di famiglie ridotte alla povertà e altre a sopravvivere  a malapena. E tutto questo con la complicità della partitocrazia dominante in molti Stati europei ridotta a servire i criminosi progetti di globalizzazione ideati da queste menti insane nemiche dell’umanità. I movimenti politici comunitari di reazione rappresentano, in questo tenebroso scenario, richieste legittime di popoli davanti al tentativo riduzionistico del loro valore civile. Le accuse di populismo dei partiti tradizionali (partitocrazia) ai movimenti politici sono improprie e false perché i poteri forti mondiali nella BCE concentrano in Europa i loro interessi. La politica deve riprendere il controllo delle istituzioni e intervenire sulle tematiche fondamentali di alcune versioni del pensiero neoliberista nonché sul processo di globalizzazione inquadrato in prospettive erroneamente unicistiche che non tengono debitamente conto delle tradizioni culturali e storiche di intere etnie che meritano garanzie e rispetto perché portatrici di civiltà a differenza della finanza mondiale interessata solo a definire tra banchieri la ripartizione della ricchezza sottratta ai civili popoli europei attraverso il controllo politico , la limitazione delle sovranità nazionali e la riduzione di garanzie e diritti civili, quali il diritto al lavoro, il diritto a un giusto salario/stipendio, il diritto all’assistenza sanitaria, il diritto alla cultura, il diritto alla libera informazione……., fondamentali conquiste sociali. Bisogna rivedere la strutturazione del mercato economico dominato dall’avidità dei banchieri e dalle oligarchie capitalistiche.  Promuovere un diverso misuratore che definisca lo stato di salute di una nazione perché i dati attuali conseguenti al PIL (Prodotto Interno Lordo) sono imperfetti per una società civile perché non tengono conto di fattori molto più importanti  che si chiamano qualità dell’ambiente, qualità della giustizia sociale, qualità della vita……attraverso cui si determina l’indice di benessere umano il solo che può definire la positività o il fallimento di una società umana. Bisogna ridefinire politicamente che il legittimo proprietario della moneta è il popolo e non le banche che al contrario sono soltanto le tipografie degli Stati incaricate a stampare francobolli e monete e come tali non possono pretendere gli interessi su un bene di cui non sono proprietarie. La politica europea deve ripristinare garanzie e rispetto della sovranità degli Stati membri nonché dei diritti fondamentali della persona  affinché l’Unione Europea possa definirsi autenticamente civile. Le decisioni fiscali comunitarie devono ritornare di competenza della politica perché la sola istituzionalmente legittimata a farlo. Le banche vanno rimesse al loro posto nella società come lo sono, in una civiltà, altre istituzioni, Forze Armate, Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Sanità, Scuola…….,per contribuire insieme, dalla loro posizione socialmente legittima, allo sviluppo collettivo. Tutto questo è necessario per recuperare un economia sana da cui possano scaturire nuove condizioni di concorrenza economica in una competizione equa e leale per un nuovo benessere sociale importante per uscire dalla recessione che vede coinvolti molti Stati dell’Unione Europea, nonché  l’Italia scivolata a un reddito nazionale uguale a quello che aveva alcuni anni addietro. Restano ovviamente valide la lotta allo sperpero del denaro pubblico causato da speculazioni e corruzioni nonché privilegi politici. L’improprio dominio politico della BCE ha originato un danno economico superiore persino a quello della grande depressione degli anni trenta: mai tanta povertà ha serpeggiato in Europa. Il diritto a una vita decente è un diritto fondamentale della persona che può essere garantito solo da un libero e democratico confronto sui problemi che riguardano tutti e non può prescindere dal recuperare l’autonomia della politica al di la delle gratuite e indecenti accuse di populismo, manifestazioni chiare di avversione alla civiltà, nei confronti di questi meravigliosi movimenti  democratici di rivendicazione del valore umano.

 Dott. Raffaele Bocciero per Filosofia e Logos.it


Copyright © 2008 by PH-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license