Rauðskinna - Il misterioso Libro islandese di magia nera!

24 Dicembre, 2016 |Tag: Esoterismo | from Author

La terrificante storia del Libro del Potere

Rauðskinna, (noto anche come il 'Red Skin' per il color del suo rivestimento, altrimenti detto saggio come il Libro del Potere), è considerato uno dei più potenti documenti cartacei, che è stato prodotto fino ad oggi. Il libro, che è stato scritto da un vescovo di origine islandese Gottskalk Nikulausson, contiene varie regola buie e incantesimi che pretendono di consentire al praticante di ottenere il controllo del diavolo stesso. L'autore del libro Gottskalk Nikulausson è vissuto in Islanda durante l'alto periodo medievale. Record contemporanee suggeriscono che era nato in una famiglia devota e alla fine è salito di grado fino a diventare vescovo di Holar. Ma mentre si proietta un'immagine di pietà virtuoso in pubblico, la sua personalità privata era molto diversa. Nikulausson è stato conosciuto per avere due famiglie, pur non essendosi mai sposato, ed è stato descritto come manipolativo, dispettoso e molto ambizioso.
Nikulausson è stato sempre guidato da un desiderio di potere e status sociale alto. E 'stato questo che lo ha portato a dilettarsi in arti oscure che avrebbero poi consumato ogni aspetto della sua vita. Ha lavorato instancabilmente per il suo tomo oscuro e pericoloso, ma non è noto se è riuscito, poi a mettere in pratica il suo lavoro. Quando morì nell'inverno del 1520, fu sepolto insieme al suo prezioso libro rosso . Ma la storia non finisce qui. Due secoli più tardi, un altro uomo di origine islandese Loftur è arrivato nella scuola della cattedrale di Holar. Aveva già imparato diversi incantesimi di magia nera ed è stato detto di averli usati contro la popolazione locale. Tuttavia, quando ha sentito la leggenda di Nikulausson ha deciso di riesumare la sua tomba per scoprire i suoi segreti. Ha chiesto ad uno studente di assisterlo per questo, e quando lo studente ha rifiutato, è stato assassinato.
Secondo la leggenda, Loftur alla fine è caduto vittima della magia e potere che desiderava. Stava camminando intorno alla chiesa e cantava incantesimi per evocare Gottskalk e ottenere il suo libro, il Rauðskinna. Secondo la storia raccontata dal folklore da Shaun D. L. Brassfield-Thorpe: '' Nonostante tutto questo, Gottskalk ancora non usciva dalla sua tomba - così Loftur ha iniziato a cantare come mai prima. Si voltò e le parole dei Salmi in lodi per il diavolo e ha fatto una confessione dispiacendosi di tutte le sue buone azioni. I tre vescovi morti coronati tenuti il ​​più lontano possibile da Loftur e lui di fronte con le loro mani alzate - gli altri vescovi morti lo guardavano e mantenevano il loro sguardo da Loftur. Finalmente un suono desiderio è stato sentito, e un uomo morto è rinato tenendo un bastone nella mano sinistra e un libro rosso sotto il braccio destro. Egli non portava un crocifisso sul suo petto, e ha guardato con cattiveria gli altri vescovi morti. Fissava Loftur, che ha cantato tanto durante questo. Gottskalk si spostò 'più vicino a Loftur e disse con disprezzo: «. Cantate bene, figlio mio, e meglio di quanto mi sarei aspettato, ma non sarà possibile ottenere il mio Rauðskinna." Loftur poi sembrò trasformare se stesso dentro e fuori e cantando in un modo che non aveva mai fatto prima. Ha cambiato la benedizione e la preghiera del Signore in lodi per il Diavolo, e la chiesa tremava come una paglia nel vento. Lo studente, guardando nel campanile, credette di vedere Gottskalk che si muoveva più vicino al Loftur e lui sembrava spinto un angolo del libro verso il mago. Era stato spaventato per tutto questo tempo, ma ora era scosso dal terrore. Gli parve di vedere il vescovo sollevare il libro e Loftur allungare la mano. Così, ha tirato la corda della campana più forte che poteva e tutto ciò che era apparso scomparve nel pavimento con un suono sinistro. '' Loftur divenne ossessionato per scoprire gli oscuri segreti del Libro del Potere. Marciò intorno alla chiesa, cantando incantesimi nel tentativo di evocare il vescovo morto e mettere le mani sul libro. Quando ciò non ha funzionato, ha cominciato a lodare Satana e chiedere perdono per tutte le buone azioni che aveva fatto nella sua vita. Dettagli su quello che è successo a Loftur sono sconosciuti, come è il destino del terrificante libro rosso dal color della pelle. In questo articolo (Rauðskinna - Il misterioso Libro islandese di BLACK MAGIC) è libero e open source. Hai il permesso di ripubblicare questo articolo con una licenza Creative Commons con piena attribuzione e un link alla fonte originale su Disclose.tv saperne di più: http://www.disclose.tv/n

English Version

Rauðskinna - The Mysterious Icelandic Book of BLACK MAGIC

The terrifying story of the Book of Power.

Rauðskinna, (also known as the ‘Red Skin’ for its binding, or else wise as the Book of Power), is considered to be one of the most powerful black documents to have been produced. The book, which was written by an Icelandic bishop named Gottskalk Nikulausson, contains various dark rule and spells that claim to allow the practitioner to gain control of the devil himself. The book’s author Gottskalk Nikulausson lived in Iceland during the high medieval period. Contemporary records suggest that he was born into a devout family and eventually rose to become the Bishop of Holar. But while projecting an image of virtuous piety in public, his private persona was very different. Nikulausson was known to have two families, despite never having married, and was described as manipulative, spiteful and highly ambitious.
Nikulausson was driven by a desire for power and social status. It was this that led him to dabble in the dark arts which would eventually come to consume every facet of his life. He worked tirelessly on his dark and dangerous tome, but it is not known whether he ever managed to put his work into practice. When he died in the winter of 1520, he was buried along with his precious red-skinned book. But the story does not end there. Two centuries later, another Icelandic man named Loftur arrived at the cathedral school in Holar. He had already mastered several black magic spells and was said to have used them against the local people. However, he hungered for more, and when he heard the legend of Nikulausson he decided to exhume his tomb to uncover his secrets. He asked another student for assistance in doing so, and when the other student refused, he was murdered.
According to legend, Loftur eventually fell victim to the magic and power he so desired. He was walking around the church and chanting spells to summon Gottskalk and get his book, the Rauðskinna. According to the folklore story retold by Shaun D. L. Brassfield-Thorpe: ''Despite all this, Gottskalk still did not come from his grave - so Loftur started chanting as never before. He turned the words of the Psalms into praises for the Devil and made a sorry confession of all his good deeds. The three crowned dead bishops kept as far away as possible from Loftur and faced him with their hands raised - the other dead bishops looked at them and kept their gaze away from Loftur. At last a heavy sound was heard, and a dead man arose bearing a staff in his left hand and a red book under his right arm. He did not wear a crucifix on his chest, and he looked unkindly at the other dead bishops. He gazed at Loftur, who chanted all the more during this. Gottskalk moved a little closer to Loftur and said scornfully: "You chant well, my son, and better than I would have expected. But you will not get my Rauðskinna." Loftur then seemed to turn himself inside out and chanted in a way he had never done before. He changed The Blessing and The Lord's Prayer into praises for the Devil, and the church shook like a straw in the wind. The student, watching in the belfry, thought he saw Gottskalk move again closer to Loftur and he seemed to thrust a corner of the book towards the magician. He had been frightened all this time but now he shook with his terror. He thought he saw the bishop lift the book and Loftur stretch out his hand. So, he pulled the bell rope as hard as he could and everything that had appeared vanished into the floor with a whispering sound.'' Loftur became obsessed with discovering the dark secrets of The Book of Power. He marched around the church, chanting spells in an attempt to summon the dead bishop and get his hands on the book. When this didn’t work, he began to praise Satan and begged forgiveness for all of the good deeds he had done in his life. According to the folklorist Shaun D. L. Brassfield-Thorpe, a dead man then appeared before him bearing a staff in his left hand and carrying a red book under his right arm. He said; "You chant well, my son, and better than I would have expected. But you will not get my Rauðskinna." At these words, Loftur continued chanting Satanic verses but became more frantic. The church began to shake ‘like a straw in the wind.' A student hiding in the belfry, who claimed that he witnessed the scene, said that he saw Nikulausson moved closer to Loftur and seemed to thrust a book towards him. At this point, the student panicked and pulled the rope in the Belfry as hard as he could. At that point, everything that had appeared vanished into the floor with an eerie whispering sound. Details about what happened to Loftur are unknown, as is the fate of the terrifying red-skinned book. This article (Rauðskinna - The Mysterious Icelandic Book of BLACK MAGIC) is free and open source. You have permission to republish this article under a Creative Commons license with full attribution and a link to the original source on Disclose.tv READ MORE: http://www.disclose.tv/n

http://www.filosofiaelogos.it/

Fonte