I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Ratzinger sia scomunicato dagli uomini di Cristo: Don Gallo e Padre Zanotelli

28 Dicembre, 2012 | Category : Attualità | Author: Fonte | Condividi | Commenti

Papa Ratizinger ha espresso appoggio per Mario Monti, l’uomo che più di chiunque altro in Italia ha sottratto ai poveri per dare ai ricchi. Questo viola, addirittura bestemmia, la parola di Cristo. Questo Papa è indegno e va scomunicato. Don Andrea Gallo e Padre Alex Zanotelli devono prendere nella mano destra il Vangelo e nella sinistra un pugno di terra, e rifondare la Chiesa di Cristo per i poveri e i sofferenti, per la giustizia sulla Terra. E poi nel nome di Dio scomunichino Ratzinger e il Vaticano tutto. Questo gli chiedo, ora, e sarò il loro primo fedele. Tantissimi altri verranno. 

Paolo Barnard

fonte http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=534

Mario Monti

Sono certo che il beato Karol Wojtyla, in arte Ioannes Paulus II Totus tuus, a questo punto si rivolta nella sua venerata tomba, giù, nelle Grotte vaticane sotto la navata centrale di San Pietro. Ha combattuto con forza, in vita, la “cultura della morte”, l’eutanasia e i matrimoni gay, ma cosa avrebbe fatto nel vedere la sua chiesa, santa e romana (anche se era polacco al cento per cento), appoggiare apertamente in Italia un boia del calibro di Monti che “sale” in politica, dopo aver martoriato per tredici lunghi mesi questo paese, un tempo cristianissimo. Neanche i torbidi e discussi Borgia avrebbero osato tanto, con tanta spudoratezza e alla luce del sole!

La chiesa esce allo scoperto e fa un “endorsement”, una sorta di “pronunciamiento” senza l’uso di guardie svizzere e alabarde a favore di Monti. Il dado è tratto, e il Vangelo è finito dritto nel cesso. Altro che messaggio di Cristo! Qui si appoggia colui che ruba ai poveri, sempre più numerosi, per dare ai ricchi, sempre più bastardi e sempre meno numerosi. La ricchezza ottenuta con la sopraffazione, il ricatto, lo sfruttamento e le razzie di risorse non è più un peccato, sanzionato dalla chiesa di Roma? Togliere l’ultimo boccone dalla bocca dell’affamato, vessare i deboli, creare milioni di disoccupati e distruggere il futuro delle giovani generazioni vuol dire “recuperare il senso più alto e più nobile della politica”, come scrive l’Osservatore romano, organo d’informazione quotidiana di Sua Santità? E’ questa la via da seguire per aver cura del “bene comune”? Più leggo ciò che scrive l’Osservatore della Santa Sede, incensando Monti, e più avverto conati di vomito.

Quali sono i motivi dell’appoggio incondizionato dato dalle gerarchie vaticane allo stragista sociale Mario Monti, “salito” in politica mentre il paese, che pretende di aver salvato, scende negli inferi? Lo si appoggia perché va a messa la domenica mattina e non frequenta le “cocotte”, come invece fa il povero e bistrattato Silvio? Anche per questo, ma non solo e non principalmente per questo. Quali sono, allora, le ragioni per le quali gli alti prelati, in nomine dei, appoggiano Monti, come se fosse un nuovo salvatore? Presto detto. Sono le seguenti, in ordine decrescente d'importanza:

1) Il clero religioso della chiesa di Roma nell’era neocapitalistica è stato relegato in posizione di seconda o terza schiera. Superato per importanza e prestigio dal clero accademico e mediatico (economisti, sociologi, giornalisti di grido, eccetera), che costituisce secondo l’immenso filosofo marxiano Costanzo Preve il vero clero regolare e secolare del terzo millennio, il tradizionale clero ecclesiastico non deve rompere i coglioni al sistema e deve occuparsi di “spegnere gli incendi” sociali, assistendo poveri, malati e reietti. Inoltre, cosa di cruciale importanza, la cosiddetta dottrina sociale della chiesa (che dovrebbe trarre ispirazione, alla fine della fiera, dal messaggio di Cristo) non deve permettersi di confliggere con gli inviolabili precetti neocapitalistici, indicando una strada diversa da quella tracciata dal Libero Mercato e dalla Grande Finanza, sovrani e intangibili. Se la chiesa non se ne sta buona in angolo, avallando tutte le porcate degli agenti criminali neocapitalistici, come Monti in Italia, scattano le inchieste giudiziarie e gli scandali per pedofilia, il cui scopo non è di far cessare questo fenomeno aberrante (del resto, sempre esistito), ma di distruggere la credibilità del Santo Padre e della santa Romana chiesa agli occhi dei fedeli. Prova ne sia che gli scandali e le inchieste relative ai preti pedofili, in questo scorcio di secolo, si sono improvvisamente moltiplicati, dall’Irlanda a Malta agli Stati Uniti, e il battage mediatico internazionale li ha accompagnati per mano. Perciò, Joseph Ratzinger, in arte Benedictus XVI, può pure scrivere nuovi catechismi per i tempi futuri, può migliorare i rapporti con le altre religioni, può rivalutare la tradizione millenaria della chiesa, ma non deve parlare contro il neocapitalismo del terzo millennio, attaccando i suoi santuari, che oggi contano più del Vaticano. In poche parole, la chiesa deve abbassare la testa e ignorare le profonde ingiustizie dell’epoca, fino al punto di appoggiare politicamente, beatificandolo come miglior candidato, un boia e stragista efferato come Mario Monti. Le recenti leccate di culo dell’Osservatore romano vanno tutte in questa direzione.

  2) I vantaggi fiscali finora ottenuti dalla chiesa da uno stato compiacente richiedono una contropartita. Nel 2012 la vecchietta pensionata al minimo, il cui unico bene è una modesta casa di abitazione, ha dovuto pagare l’IMU, sottraendo risorse alle utenze domestiche, ai medicinali, allo stesso cibo consumato quotidianamente. La chiesa no. E’ rimasta fuori, grazie al “devoto” Monti che va a messa e non frequenta puttane, grazie al suo direttorio compiacente. Forse per evitare che il carico dell’IMU faccia chiudere molte scuole cattoliche (private) e istituzioni “no profit”? Mi permetto di dubitare. I contributi dati agli ospedali cattolici (privati) sono stati erogati per “sostenere l’eccellenza”? Anche in tal caso mi permetto sommessamente di dubitare. Sostenendolo, la chiesa ringrazia il boia Monti per i vantaggi fiscali concessigli, e chissenefrega della pensionata alla fame che deve pagare l’IMU sulla prima casa, suo unico bene!

  3) La costituzione di un nuovo, grande centro con forte presenza cattolica, “sensibile” alle ragioni della chiesa di Roma, ago della bilancia nella formazione dei governi, è indubbiamente un obiettivo politico non secondario, in Italia, e proprio Monti (benedetto per la terza volta dai principi vaticani) potrebbe coagulare intorno a sé le forze necessarie per l’operazione.  

Questo è quanto. La vicenda è alquanto squallida, a testimonianza che il decadimento della chiesa di Roma, che ha abbassato completamente la testa davanti alle nefandezze neocapitalistiche, è oggi senza fondo. Lo prova senza ombra di dubbio la “beatificazione” politica di Mario Monti, miglior candidato in Italia in nomine dei.

Qui, dal Water Closed, vi saluta il vostro spretatissimo mangiapreti

Fonte: http://waterclosed.myblog.it


 

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license