Prima che l'Antartide fosse coperta dal Ghiaccio, qualcuno l'aveva mappata con una precisione ESTREMA!

19 Luglio, 2017 |Tag: Esopolitica | from Author

Tra le numerose scoperte che sfidano la storia moderna è un insieme di grafici antichi che rivelano un lungo segreto

Secondo gli esperti, circa 35 milioni di anni fa il ghiaccio è apparso sull'Antartide. In qualche modo, ci sono numerose mappe antiche che mostrano l'Antartide libera di Ghiaccio. Come è possibile?
Credi che la storia, come ci è stata raccontata a scuola, è incompleta?
Cosa succede se ti ho detto che ci sono innumerevoli scoperte che sono state fatte in tutto il pianeta che indicano il fatto che ci sono molti enigmi nella storia che gli studiosi principali non sono capaci di capire.
Tra le numerose scoperte che sfidano la storia moderna è un insieme di grafici antichi che rivelano un lungo segreto.
Quando è stata l'Antartide libera dal ghuiaccio? Secondo gli esperti, il ghiaccio in Antartide 'apparve improvvisamente' circa 35 milioni di anni fa. Cento milioni di anni prima, il continente era completamente libero da ghiaccio.
Ma se il ghiaccio apparve sul continente antartico molto tempo fa, chi sulla Terra avrebbe potuto creare grafici che raffigurano il continente senza ghiaccio?
Anche dopo che l'Antartide si trasferì nella sua posizione attuale, il continente ormai gelido rimase un paradiso subtropicale, ma misteriosamente, circa 35,5 milioni di anni fa, il ghiaccio copriva il continente in circa 100.000 anni. Gli esperti concordano sul fatto che si tratta di un "spostamento durante la notte" in termini geologici.
Con i suoi 14,0 milioni di chilometri quadrati, l'Antartide è il quinto continente più grande del nostro pianeta e, in altre parole, è il doppio rispetto all'Australia.
L'esistenza di innumerevoli mappe, come la nota mappatura di Piri Reis, è vista da molti come testimonianza che i nostri antenati conoscevano la forma esatta del nostro pianeta, la sua dimensione e sono stati sufficientemente sofisticati per utilizzare la trigonometria sferica e calcoli matematici precisi ed elaborati - come se Nel passato lontano, migliaia di anni fa, forse decine di migliaia di anni fa, una civiltà sconosciuta sul nostro pianeta intraprese un progetto MASSIVO a livello globale per mappare il nostro pianeta come abbiamo fatto nei tempi moderni.
La mappa di Piri Reis mostra qualcosa che non dovrebbe essere stato possibile per una mappa degli anni 1500.
La mappa fu composta dall'ammiraglio turco Piri Reis e raffigura l'Antartide che fu scoperta solo tra il 1818 e il 1820, senza ghiaccio.
Quindi, se l'Antartide fu scoperta tra il 1818 e il 1820, come sulla Terra abbiamo una mappa che risale al 1500, raffigurante l'Antartide senza ghiaccio?
Autore Graham Hancock ha spiegato perfettamente la mappa quando ha scritto che mostra la matematica avanzata nella proiezione di mappe e incorpora una longitudine relativa altamente accurata. La mappa incorpora numerose caratteristiche che non dovrebbero esistere negli anni 1500.
Ma non era l'ammiraglio Piri Reis che ha mappato l'Antartide. Infatti, l'ammiraglio turco ha spiegato sui testi scritti sulla sua mappa come lo ha prodotto. Secondo i testi, la mappa di Piri Reis non è il suo lavoro, ma una composizione di circa 20 mappe più antiche. L'unica cosa che Piri Reis ha fatto era mettere insieme tutti.
Queste antiche mappe "fonte" utilizzate da Piri Reis sono state perdue.
È interessante notare che Charles Hapgood ha iniziato a studiare la mappa di Piri Reis verso la metà del 20 ° secolo e pubblicò il libro Mappe dei Ancient Sea Kings nel 1966. Hapgood sostiene che questa e altre mappe sostengono una teoria dell'esplorazione globale da un pre- Classica civiltà sconosciuta. Lo sostiene con un'analisi della matematica delle mappe antiche e della loro accuratezza, che egli dice di strumenti strumentali superiori disponibili al momento della stesura della mappa. Hapgood ha sostenuto che, a causa della mappa che è stata assemblata da componenti, la sezione caraibica è stata ruotata di quasi 90J dalla parte superiore del Sud America. Ha attribuito questo sia a copiare da una proiezione polare, sia per adattarsi nello spazio disponibile per cercare la mappa in quella posizione e dargli un "nord alternativo", di cui altri esempi sono noti nelle mappe dell'epoca. (Fonte)
Alcuni avrebbero detto, Nah ... è solo una coincidenza, forse non è nemmeno l'Antartide. È una ragione per cui, ma perché la mappa di Hadji Ahmed allora esiste? Questo antico grafico è stato creato nel 1559, mostra delineazioni incredibilmente accurate della costa occidentale dell'America settentrionale e dell'Antartide. Quello che è ancora più incredibile è il fatto che questa antica mappa mostra un collegamento a terra con Siberia e Alaska, indicando che è nato da un momento in cui il ponte era ancora presente.
Ebbene, la mappa di Hadji Ahmed potrebbe anche essere stata interpretata male. Va bene, vado anche con quello, ma per quanto riguarda la mappa di Buache?
La mappa di Bauche è stata creata da un geografo francese con il nome di Philippe Buache de la Neuville. La mappa di Buache ha due versioni.
Si ritiene che uno dei grafici dipenda con precisione la linea costiera libera dell'Antartide, mentre l'altra mappa non menziona mai il continente.
Molti indicano che Buache non era a conoscenza dell'esistenza del Continente Icy e che le sue rappresentazioni non erano altro che un'ipotesi.
Se le suddette mappe non sono sufficienti, abbiamo un altro grafico che mostra la stessa cosa. La Carta Mondiale di Oronce Finé creata nel 1534 è un grafico iniziale che presenta caratteristiche dell'Antarctica quando il continente non era coperto da Ice.

English Version
Before Antarctica was covered in Ice—someone mapped it with EXTREME precision

Some 35 million years ago ice appeared on Antarctica according to Experts. Somehow, there are numerous ancient maps that show Antarctica FREE of Ice. How on Earth is that possible?
Do you believe that history, as we have been thought in school, is incomplete?

What if I told you that there are countless discoveries that have been made across the planet that point to the fact that there are many enigmas in history that mainstream scholars are unable to understand.

Among the numerous discoveries that challenge modern history is a set of ancient charts that reveal a long-held secret.

When was Antarctica Ice Free? According to experts, Ice in Antarctica ‘suddenly appeared’ some 35 million years ago. One hundred million years before that, the continent remained free of ice.

But, if ice appeared on the Antarctic continent that long ago, who on Earth could have created charts that depict the continent free of ice?

Even after Antarctica moved to its current location, the now icy continent remained a subtropical heaven, but then mysteriously, around 35.5 million years ago ice covered the continent in around 100,000 years. Experts agree that this is an ‘overnight shift’ in geological terms.

With its 14.0 million square kilometers, Antarctica is the fifth largest Continent on our planet, and in other words, is twice the size of Australia.

The existence of countless Maps—like the infamous Piri Reis map—is seen by many as evidence that our ancestors knew the exact shape of our planet, its size and were sophisticated enough to utilize spherical trigonometry, and precise and elaborate mathematical calculations—as if in the distant past, thousands of years ago, perhaps tens of thousands of years ago—an unknown civilization on our planet undertook a MASSIVE, global-scale project of mapping our planet like we have done in modern times.
The Piri Reis map shows something that should not have been possible for a map in the 1500’s.

The map was composed by Turkish Admiral Piri Reis and it depicts Antarctica which was only discovered between 1818-1820, FREE of Ice.
So if Antarctica was discovered between 1818 and 1820, how on Earth do we have a map that dates back to the 1500’s, depicting Antarctica free of Ice?
Author Graham Hancock explained the map perfectly when he wrote that it displays advanced mathematics in the map projection, and incorporates highly accurate relative longitudes. The map itself incorporates numerous features that should not have existed in the 1500’s.

But it wasn’t Admiral Piri Reis who mapped Antarctica. In fact, the Turkish admiral explained on the texts written on his map how he produced it. According to the texts, the Piri Reis map is not his own work but a composition of around 20 older maps. The only thing Piri Reis did was put them all together.

These ancient “source” maps used by Piri Reis have since been lost.

It is noteworthy to mention that Charles Hapgood began studying the Piri Reis map in the middle of the 20th century and published the book Maps of the Ancient Sea Kings in 1966. Hapgood claims this and other maps support a theory of global exploration by a pre-classical undiscovered civilization. He supports this with an analysis of the mathematics of ancient maps and of their accuracy, which he says surpassed instrumentation available at the time of the map’s drafting. Hapgood argued that owing to the map being assembled from components, the Caribbean section was rotated nearly 90ј from the top of South America. He attributed this to either copying from a polar projection, or to fit in the space available by hinging the map at that location and giving it an “alternate north”, of which other examples are known in maps of the era. (Source)

Some would say, Nah… it’s just a coincidence, maybe it’s not even Antarctica. That’s a fair why, but why does the Hadji Ahmed map exist then? This ancient chart was created in 1559, shows incredibly accurate delineations of the western coast of Northern America and Antarctica. What is even more incredible is the fact that this ancient map shows a land bridge connection Siberia and Alaska, indicating it originated from a time when the bridge was still present.

Well, the Hadji Ahmed map could also have been misinterpreted. Alright, I’ll go with that too, but how about the Buache Map?
The Bauche map was created by a French geographer by the name of Philippe Buache de la Neuville. The Buache map has two versions.

One of the charts is believed to accurately depict the ice-free coastline of Antarctica while the other chart makes no mention of the continent whatsoever.

Many indicate that Buache was unaware of the existence of the Icy Continent and that his depictions were nothing more than a hypothesis.

If the above maps aren’t enough, we have another chart that shows the same thing. The Oronce Finé World Map created in 1534, is an early cordiform chart which displays features of Antarctica when the continent was not covered by Ice.


https://www.filosofiaelogos.it

Fonte