I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Non solo Signoraggio: Il Cancro dei Manager Bancari

Vota la News
21 Marzo, 2013 | Category : Attualità | Author: Fonte | Commenti  

La Casta

Fausto Marchionni, Enzo Chiesa, Jonella e Paolo Ligresti; sono questi i nomi dei principali manager bancari, nostri connazionali, che hanno portato i fondi nazionali privatizzati allo sfacelo, adottando politiche di condotta disastrose. In seguito agli insediamenti di questi illustri nomi in imperi capitalistici del calibro di Bpm e Fonsai, il cancro dei conti correnti falsi ha accerchiato prepotentemente l’economia italiana, contribuendo a ridurre il popolo alla fame. In seguito ai numerosi scandali emersi negli ultimi tempi, ci si chiede quale possa essere la pena esemplare per questi loschi individui. Fustigazioni medievali? Assolutamente no! Un pochino di carcere? Ma neanche per sogno! La verità è che nessuno di loro avrà mai a che fare con la legge ma, anzi, riuscirà ad andarsene con un grosso premio di buonuscita. Non ci credete? Vediamo: dieci milioni e mezzo di euro per Marchionni, reo di aver distrutto il capitale Fonsai, ridotto dell’ 83 % nel solo 2011; due milioni e trecentocinquantamila a Chiesa, nonostante la situazione gravissima in cui versa il Banco Popolare di Milano; Jonella e Paolo Ligresti intascheranno invece – rispettivamente – due milioni e mezzo e due milioni centocinquantamila euro, nonostante la palese colpevolezza di entrambi al crollo della sopracitata Fonsai.
Antonio Vigni – L'Uomo dei Record
Persino Antonio Vigni, direttore generale del Monte dei Paschi di Siena, tristemente noto in seguito al recente scandalo dei falsi in bilancio, detiene più di un record: oltre ad essere il manager bancario più pagato d’Italia, otterrà una buonuscita di 4 milioni di euro che andranno ad aggiungersi ai 5,4 già presi per il ‘’lavoro’’ svolto. E’ stato inoltre l’unico uomo capace di aver fatto perdere all’istituto bancario più antico del mondo il 65% del proprio valore, in quasi seicento anni di storia.
Italia – Un Paese ambiguo nel DNA
Invece di condannare duramente i criminosi intenti di queste persone, vediamo paradossalmente riconosciute loro cifre esorbitanti, pur avendo contribuito massicciamente alla distruzione dello Stato. Del resto il nostro bel Paese è solito stupirci con questi paradossi, sbattendoci quotidianamente di fronte la realtà italiana, colma di ingiustizie. Del resto anche gli altri Paesi continuano a finanziare cospicuamente gli amministratori delegati dei propri istituti bancari, nonostante le recessioni e i fallimenti registrati.
Da MPS a JP Morgan, a Barclays – La Musica non Cambia
Primo fra tutti Jamie Dimon, della Jp Morgan, manager più pagato del mondo, al quale, tuttora, spettano 11,5 milioni di dollari. Quest’uomo era stato il principale indiziato dello scandalo ‘’balena bianca’’, un’operazione finanziaria su territorio inglese, fallita rovinosamente che ha portato a un buco di 6 miliardi di euro, dando inizio alla valanga finanziaria che ha poi sommerso tutta l’Europa. Lo stesso Bob Diamond, di Barclays, nel 2011 era arrivato a guadagnare la cifra da capogiro di 17,5 milioni di euro mentre Alfredo Saenz del Banco Santander e Josef Ackermann della Deutsche Bank, si sono aggiudicati 16 e 9 milioni di euro l’anno. L’esempio d’oltreoceano e d’oltremanica si è esteso quindi anche al mercato italiano, nell’intento di destinare buona parte "dell'oro dei popoli" agli stessi complici degli scandali (personaggi al servizio dei grandi burattinai del sistema lobbistico-bancario) lasciando fuori dai giochi i contribuenti. Anzi, per il vero anche questi partecipano alla farsa, ma solo passivamente!
La Truffa più Grande della Storia – Il Sistema Bancario
Chi credete abbia elargito le somme per riempire le casse dell'FMI? Ovviamente centinaia di milioni di ignari contribuenti, oppressi dai continui rincari dei prezzi, da tassazioni sempre più salate, da folli politiche d’austerità. Vi sembra giusto dover continuare a pagare ville, cene, yacht e prostitute a tale classe dirigente parassitaria, che fino ad oggi ha contribuito solo in negativo al "mutamento" del volto della nazione? Non bastava già la grande truffa del signoraggio bancario denunciata – tuttavia – solo da pochissime ed oneste menti. Vedi l'indimenticato (o troppo in fretta dimenticato) egregio professor Giacinto Auriti.
Ue – La Sentinella della gabbia
Ma come affronta il problema l'Ue di Basilea 3 e del credit crunch? Sicuramente i sostenitori più accaniti dell’euro e delle politiche del Vecchio Continente saranno certi dell’arrivo di misure severe nei confronti di chi ha contribuito alla schiavizzazione delle popolazioni del Sud Europa, ridotte alla rovina. E invece no! Anche in questo caso sono pronti ricchi premi. Nonostante le intenzioni espresse da Italia e Svizzera, mediante voto e referendum, siano ostili a ogni maggiorazione degli stipendi dei manager aziendali, Parlamento e Consiglio Europeo non "riescono" a trovare un buon accordo tra i Paesi. Ma c'è di più! Nella colonia anglofona chiamata Europa, la proposta di porre un tetto alle retribuzioni medesime è stata aspramente criticata – ovviamente - dal governo britannico che sostiene di "temere una fuga all’estero da parte dei suoi 144 mila banchieri". Come mai – ci chiediamo – la stessa preoccupazione non ha neppur minimamente sfiorato la mente degli 11 leader europei firmatari della Tobin Tax a "regime ridotto?
Una Messa in Scena globale
Ancora una volta il quadro politico da l’idea di essere una messa in scena studiata a tavolino e ad esclusivo vantaggio di poche famiglie di banchieri. L'esempio più emblematico è sicuramente quello della dinastia ebraica Rothschild (la dinastia dello Scudo Rosso di Re Davide) considerata la famiglia che "possiede" l'Europa. E non è un eufemismo! Intanto, la filosofia del "me la canto e me la suono’’ viene messa di nuovo in pratica da parte dei vertici europei che, in concerto, propongono e bocciano proposte all’ordine del giorno. Sarebbe bello, per una volta, se i nostri soldi venissero investiti nelle infrastrutture del Paese, ormai in ginocchio. Sarebbe davvero un sogno poter veder tornare indietro i nostri quattrini, in favore di strutture scolastiche, sanitarie e di cantieri di lavoro. Invece assistiamo quotidianamente al triste copione con protagonisti – loro malgrado – i proletari europei, ridotti a non avere più un guadagno, una possibilità, un’identità. L'unica certezza che abbiamo – tra il silenzio della politica e della "cosidddetta antipolitica" – e che essi continueranno a fare la fame, piegati dall’infame beffa di dover contribuire al pagamento di chi li costringe quotidianamente alla miseria, proiettati verso un insano piano di omologazione continentale e planetaria che trae origine da quella folle teoria ormai accreditata al di fuori di ogni ragionevole dubbio: quella del "Nuovo Ordine Mondiale" massonico-bancario.

Fonte http://www.quieuropa.it/non-solo-signoraggio-il-cancro-dei-manager-bancari/


Copyright © 2008 by PH-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license