Basta

I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Ma quanti UFO attorno alla Stazione Spaziale Internazionale


14 Gennaio, 2013 | Category : Ufologia | Author: Fonte | Commenti

ufos

Con la fine del 2012, e l'inizio del 2013, numerosi avvistamenti Ufo sono stati registrati in ogni angolo del pianeta. E, fin qui, nulla di nuovo sotto al sole. Ma per quanto riguarda la Stazione Spaziale Internazionale, bisogna prendere atto di qualcosa di nuovo.

Su Youtube, sono apparsi numerosi video di presunti avvistamenti Ufo che interesserebbero lo spazio immediatamente circostante la ISS, oggetti di forme diverse, che si muovono a velocità diverse e che, in altri casi, sfrecciano davanti agli oblò della stazione orbitante. Cosa stiamo guardando esattamente? Astronavi aliene riprese dalle telecamere della ISS? Riflessi dovuti ai vetri degli oblò? Meteore? Oppure detriti di spazzatura orbitante generati da veicoli spaziali in disuso?


ufo-iss-2.jpg

Il giorni di Natale, un utente di Youtube, Streetcap1, ha acquisito da uno spezzone di un video della Nasa un oggetto argento muoversi rapidamente seguendo la curvatura della Terra.

Lo stesso utente, nel giorno di Capodanno, ha registrato un altro video nel quale si mostrano due oggetti, uno circolare, l'altro a forma di disco.

“I detriti orbitanti esistono fin da quando sono cominciati i voli umani nello spazio. In orbita, dato che non ci sono punti di riferimento, è difficile valutare le distanze e le dimensioni degli oggetti che fluttuano attorno alle navicelle spaziali”, ritiene James Oberg, un ex ingegnere spaziale specializzato nelle operazioni dello Space Shuttle e attualmente consulente spaziale per la NBC News.

“Non sorprende che dopo mezzo secolo di missioni spaziali, ci sono persone che guardando i video della Nasa non riescano a distinguere un detrito da un Ufo”, conclude Oberg. E' chiaro che l'ex ingegnere della Nasa non creda che gli oggetti mostrati nei video siano navi spaziali provenienti da un altro pianeta.

Eppure, per quanto possiamo essere non allenati a valutare distanze dimensioni nello spazio, alcuni di questi avvistamenti mal si adattano alla semplice riduzione a detriti spaziali. Molti di questi, sembrano essere in volo controllato.

Per avere un'idea più chiara del fenomeno, e decidere autonomamente se si tratta di detriti o navi extraterrestri, è possibile collegarsi direttamente al flusso dati in tempo reale della Stazione Spaziale Internazionale.

Munitevi di un buon registratore di flusso in streaming e cominciate la caccia. Chissà che non possiate essere tra quelli che verrà registrato nella storia come lo scopritore del primo vero oggetto di natura extraterrestre. Buona caccia, amici!

fonte http://ilnavigatorecurioso.myblog.it/archive/2013/01/12/ma-quanti-ufo-attorno-alla-stazione-spaziale-internazionale.html


Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license