I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Le Piramidi non sono state costruite a gradoni

   
22 Dicembre, 2013 | Category : Attualità | Author: Fonte | Commenti  

  Per secoli si è pensato gli egiziani costruirono le piramidi con rampe, utilizzando mezzo milioni di blocchi , un ingegnere Newport ora, sostiene che questa teoria è 'impossibile'. Questo perché le rampe avrebbero avuto bisogno di un percorso  un quarto di miglio lungo o la strada sarebbe stato troppo ripida.
    I tecnici hanno calato un nucleo all'interno della piramide prima di aggiungere un involucro esterno, la parte superiore è stata poi finita con gradini tramite ponteggi.
Dunque, per secoli è stato pensato che gli antichi egizi costruirono le loro enormi piramidi de trasportato enormi blocchi di granito pesanti fino alle  rampe appositamente predisposti .

Eppure l’ ingegnere Newport Peter James ha bollato questo come ' impossibile' , sostenendo che le rampe avrebbero avuto  bisogno di un percorso di un quarto di miglio di lunghezza , altrimenti la salita sarebbe stata troppo ripida per trasportare i grandi blocchi fin su.

Egli ritiene , invece , che gli egiziani costruirono un nucleo interno di rampe a zig zag , con piccoli blocchi, più leggeri , mentre le più grandi pietre di rivestimento esterne sono state collocate all'esterno utilizzando impalcature .

Piramidi-gradoni


Various pyramid ramps

Fonte

 

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license