La storia dell'antico impero romano scritta nell'Artico!

12 Giugno, 2018 |Tag: Esopolitica | from Author

Le anime di ghiaccio estratte dagli scienziati in Groenlandia hanno offerto una visione del passato senza precedenti!

Senza un motivo di dubbio, l'antico impero romano ha lasciato il segno nella storia.

"Abbiamo scoperto che l'inquinamento da piombo in Groenlandia ha seguito da vicino pestilenze, guerre, disordini sociali e espansioni imperiali durante l'antichità europea".

Dalle strade maestose, dai servizi igienico-sanitari, ai sistemi educativi, l'antico impero romano si assicurò che sarebbe rimasto per sempre nei libri di storia.

Ora, i ricercatori che esplorano gli strati di ghiaccio artico hanno trovato tracce dell'ascesa e della caduta dell'impero romano incorporato nel ghiaccio.

Gli esperti sono riusciti a rintracciare gli alti e bassi economici dell'impero romano , a causa della maggiore produzione di monete che l'impero ha conservato per secoli dopo il loro crollo, nella calotta glaciale della Groenlandia.

Gli scienziati dicono che la maggior parte delle emissioni di piombo del periodo sono legate alla produzione massiccia di argento.

Come spiegano gli esperti, l'inquinamento dalle miniere principali dell'antico impero romano che esplose durante l'espansione dell'impero andò alla deriva fino alle calotte glaciali della Groenlandia. Si ritiene che le emissioni di piombo siano state preservate grazie alla neve che cade, calcolata in strati e strati di ghiaccio.

Parlando della scoperta, Joe McConnell , un idrologo del Desert Research Institute, ha dichiarato:

"Il nostro record di misurazioni sub-annualmente risolte e accuratamente datate nel nucleo di ghiaccio inizia nel 1100 aC durante la tarda età del ferro e si estende attraverso l'antichità e la tarda antichità fino al primo Medioevo in Europa - un periodo che includeva l'ascesa e la caduta del Civiltà greche e romane ".

"Abbiamo scoperto che l'inquinamento da piombo in Groenlandia ha seguito da vicino pestilenze, guerre, disordini sociali e espansioni imperiali durante l'antichità europea".
Queste antiche tracce sono state ora identificate da esperti, sopravvissute migliaia di anni dopo la caduta dell'impero romano.

Le anime di ghiaccio estratte dagli scienziati in Groenlandia hanno offerto una visione del passato senza precedenti e unica, consentendo agli esperti di tornare indietro nel tempo e capire come l'inquinamento lasciato dall'impero attraverso migliaia di anni abbia influenzato non solo l'Europa ma anche la calotta polare artica .

"Abbiamo scoperto che l'inquinamento da piombo in Groenlandia ha seguito da vicino pestilenze, guerre, disordini sociali ed espansioni imperiali durante l'antichità europea", ha affermato il professor McConnell.

Ricercatori di diversi settori hanno partecipato allo studio. Dagli esperti di idrologia, specialisti del ghiaccio e degli storici economici, gli esperti si sono riuniti per trovare dettagli mai visti prima sull'impero romano.

Il nuovo studio offre un record storico che include oltre 21.000 misurazioni di piombo e di altre sostanze chimiche.

Gli esperti hanno scoperto che le emissioni inquinanti del piombo hanno cominciato a salire intorno al 900 aC, quando gli antichi fenici iniziarono ad espandere le loro prospere rotte commerciali nel Mediterraneo. Inoltre, si ritiene che le emissioni di piombo siano aumentate a causa dell'attività mineraria degli antichi cartaginesi e romani, per lo più nella penisola iberica, raggiungendo il suo apice durante l'impero romano.

Gli esperti hanno collegato le emissioni di piombo a eventi storici significativi.

I ricercatori hanno scoperto che le emissioni di piombo hanno raggiunto il minimo storico negli ultimi 80 anni della Repubblica romana, storicamente nota come la crisi della Repubblica romana.

"Le emissioni di piombo quasi quadruplicate durante i primi due secoli dell'impero romano rispetto agli ultimi decenni della Repubblica romana indicano una crescita economica sostanziale sotto il dominio imperiale", ha affermato il coautore Andrew Wilson, professore di archeologia dell'Impero romano presso Oxford.

Come notato dall'Independent , "il nuovo studio condotto dal Dott. McConnell e dal suo team ha utilizzato simulazioni all'avanguardia del trasporto dell'inquinamento da piombo nell'atmosfera per calcolare la scala su cui stavano prendendo le operazioni di estrazione e fusione in Europa posto."

Inoltre, gli scienziati hanno anche scoperto come le emissioni di piombo sono variate durante guerre e disordini politici, in particolare durante la Repubblica romana. Gli esperti hanno anche scoperto in che modo le emissioni di piombo hanno preso brusche immersioni quando due importanti flagelli hanno colpito l'Impero Romano durante il 2 ° e 3 ° secolo.

Puoi leggere di più sullo studio negli atti del giornale Proceedings of the National Academy of Sciences.

https://www.filosofiaelogos.it

Fonte