I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

La Biologia Aliena cambiera' il nostro mondo

   
23 Settembre, 2013 | Category : Ufologia | Author: Fonte | Commenti  

Chamber

Gli astrobiologi si accontentano di trovare microbi e forme di vita unicellulari. Gli esobiologi, no: sperano di trovare le prove dell’esistenza di creature aliene dotate di intelligenza e tecnologia. “L’esobiologia è un campo speculativo che considera la possibilità della vita extraterrestre e la sua natura. Se le varie testimonianze di incontri ravvicinati con esseri di altri mondi avvenuti qui sulla Terra dovessero trovare inconfutabili conferme scientifiche, dovremmo riscrivere non solo i libri di storia, ma anche quelli di biologia“, conferma il ricercatore Pablo Ayo.

Nella sua lunga attività- costellata da molte apparizioni tv, innumerevoli articoli e libri di successo come “Alien Report” e “La Grande Onda”- Ayo ha avuto modo di studiare centinaia di video e filmati che attesterebbero la presenza nei nostri cieli di ospiti non invitati. Ufo- dai classici dischi volanti ad astronavi dalle forme eteree- che talora sfuggono a qualsiasi spiegazione logica. Ma se davvero provengono da altri mondi, magari lontani da noi centinaia di anni luce, i loro costruttori devono possedere una tecnologia molto evoluta per percorrere quelle enormi distanze siderali. Una tecnologia che farebbe gola ai nostri scienziati…

“La NASA da tempo studia una possibile propulsione capace di accorciare i tempi lunghissimi dei viaggi spaziali”, spiega lo scrittore. “Dopo l’idea del Progetto 242 di Carlo Rubbia, basato su di un motore nucleare, l’idea più avveniristica – ma anche la più convincente – sembra quella proposta dal fisico messicano Miguel Alcubierre, il famoso Alcubierre Drive. Si tratta di un motore che baserebbe il suo sistema propulsivo sulla soluzione dell’equazione di campo di Einstein nella relatività generale, cioè vale a dire che l’astronave si muoverebbe contraendo lo spazio-tempo che ha di fronte ed espandendo quello dietro di sé.”

Già complicato a dirlo, figuriamoci a realizzarlo… “Infatti. Il problema dell’equazione di Alcubierre è che, per ottenere tale deformazione spazio-tempo, servirebbe una fonte di “energia negativa” attualmente sconosciuta, magari emanata naturalmente da un cosiddetto “materiale esotico” che per la scienza non esiste. Anni fa Bob Lazar, un fisico che lavorò per diversi mesi nella famigerata Area 51, affermò che l’esercito americano era in possesso di dischi volanti di origine aliena precipitati e che a fungere da “benzina” di questi Ufo era proprio un elemento teoricamente inesistente, che allora venne battezzato Elemento 115 o Ununpentium. “

2
IL MODELLO DEL COSIDDETTO "ALCUBIERRE DRIVE"
Questo materiale metallico iperdenso avrebbe avuto la capacità di emanare un campo magnetico talmente forte che, con opportune modifiche, era in grado di ripiegare lo spazio-tempo. Va da sè che nessuno ha mai potuto verificare le affermazioni di Lazar, una figura controversa e molto discussa anche tra gli stessi ufologi. E ad oggi, la curvatura dello spazio-tempo e il warp drive sembrano possibili sono nei film di fantascienza. Star Trek docet…

“È vero, ma non dimentichiamo che la fantascienza, ai tempi di Jules Verne, veniva guardata con rispetto: era foriera di idee e concetti che poi la scienza avrebbe preso in prestito, come raggiungere la Luna tramite il lancio di un missile balistico o esplorare i fondali marini con un sottomarino. Non a caso una volta la fantascienza veniva definita “narrativa di anticipazione” perché spesso anticipava le scoperte scientifiche”, dice Ayo, tra gli ospiti più attesi del 1° Meeting Internazionale di Esobiologia che si terrà il 28 e il 29 settembre a Segrate, alle porte di Milano.
3
PABLO AYO SARÀ OSPITE DEL MEETING
DI SEGRATE (MI) IL 28 E 29 SETTEMBRE

“Il 90% degli scienziati si limita a seguire i binari posti da altri”, continua. “I geni, i pionieri, sono coloro che tracciano piste nuove, che battono sentieri impervi e rischiano, se sentono di avere ragione. La fantascienza è libera da dogmi e pastoie cattedratiche, svincolata dalla necessità di dover dimostrare empiricamente la realizzabilità di un progetto: essa semplicemente esplora l’impossibile, o magari anche solo l’improbabile, senza indossare “giacca e cravatta”, e spesso con questo atteggiamento mentale si scoprono molte più cose che camminando rasente ai muri per timore di perdere il contatto con la concretezza. Sono la fantasia e l’istinto ad indicarci la strada. E la fantascienza lo ha fatto da sempre.”

Fantasiosi, non c’è che dire, sono anche molti utenti del web che inondano la rete di “bufale” ufologiche: filmati postprodotti con effetti speciali degni di Hollywood, grazie a software di grafica che rendono credibile l’incredibile. Come distinguere questa valanga di falsi dalle immagini potenzialmente vere? Pablo Ayo, docente di informatica oltre che ufologo, ci svela qualche trucco per smascherare, a prima vista, gli impostori.

“Ci sono molte tecniche. Però ancora prima di salvare i filmati sull’hard disk e di analizzarli con i vari programmi, io guardo la luce- se è naturale o artefatta- e vedo come i testimoni inquadrati reagiscono agli eventi- se mi sembrano spontanei o no. Nella maggior parte dei filmati veri, ad esempio, la gente sussurra, non grida quasi mai. Come se fosse pervasa da quel sacro senso di rispetto e di timore che si prova in chiesa. Non fanno le scenette da film americano che si vedono in certi falsi.

E poi è importante anche come l’operatore inquadra la scena: se sta riprendendo un Ufo e poi, ad esempio, sposta la telecamera sulla destra senza motivo e di colpo l’oggetto si muove proprio verso destra, ti devi chiedere come mai l’operatore abbia previsto quel movimento. Oppure insospettisce la qualità delle immagini, se è troppo buona e ravvicinata. Ma soprattutto si studia quanto più possibile chi ha girato le immagini: se l’autore è sotto finto nome o addirittura rimane anonimo, è molto probabile che il video sia falso. Così come spesso guardando la biografia di certi autori di video Ufo si scopre che lavorano per la tv e sono esperti di effetti speciali: ovviamente il caso diventa molto dubbio.”

Insomma, scovare- tra centinaia di migliaia di filmati taroccati- le reali testimonianze di episodi inspiegabili diventa un’impresa disperata. È come cercare il classico, minuscolo ago in un pagliaio che di giorno in giorno si fa sempre più voluminoso. Eppure, assicura Pablo Ayo, di video e fotografie che forse hanno davvero immortalato qualcosa di inatteso se ne trovano. “C’è un’immagine di un alieno grigio datata alla fine degli anni ’90 che non è stata mai denunciata come truffa da nessuno. Mi piace molto anche perché è molto naturale e le fattezze del Grigio coincidono con tutte le descrizioni dei testimoni e con la rappresentazione che appare su alcuni documenti top secret americani.

1
LA CLASSICA RAFFIGURAZIONE DI UN ALIENO GRIGIO
Di video ce ne sono alcuni interessanti. Di recente l’amico Max Poggi, comandante Alitalia in pensione, mi ha passato un filmato girato da un suo collega in cui si vede una classica sfera argentata muoversi in modo impossibile per un aeromobile di fattura umana. Sono filmati sicuramente meno spettacolari di certi falsi, ma assolutamente genuini e di incredibile valore probatorio, anche per la serietà della fonte.”

Ed eccoci allora tornare al punto di partenza: abbiamo davvero le prove che misteriosi viaggiatori spaziali ci stiano visitando a bordo di oggetti volanti di avanzatissima tecnologia? Il ricercatore non lo esclude. “Esistono dei documenti top secret di alcuni governi, come quello americano (mai smentiti né confermati), secondo i quali sarebbero in atto degli esperimenti segreti da parte di gruppi di intelligence per poter sfruttare militarmente alcune caratteristiche dei visitatori, di cui avrebbero apparentemente dei campioni biologici.

Sembra che alcuni alieni, come i Rettiliani, possiedano un sistema immunitario molto potente e una forza muscolare tripla rispetto alla nostra. Gli alieni di tipo grigio, invece, avrebbero una pelle e degli organi fortemente conduttivi elettricamente, tanto da potersi interfacciare fisicamente con le astronavi, come se ne facessero parte.

Non solo: alcune astronavi extraterrestri, secondo più fonti, non sarebbero solo composte da metalli inerti. In certi casi il loro materiale di base sarebbe addirittura organico. Da questo punto di vista, dunque, anche lo studio dei velivoli dei visitatori potrebbe ricadere in campi come la biologia e la nanotecnologia.”

 

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license