I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

L’Astronave Aliena fotografata dalla sonda spaziale Phobos 2

   
01 Novembre, 2013 | Category : Ufologia | Author: Fonte | Commenti  

Phobos2

Phobos una delle due lune di Marte, è sempre stata considerata un oggetto misterioso, come la sua “gemella” più piccola, Deimos. Nel luglio del 1988, i russi lanciarono in direzione di Marte due sonde scientifiche senza uomini, la “Phobos 1″ e la “Phobos 2″, con l’obiettivo principale di studiare la misteriosa luna del Pianeta Rosso. Il contatto con “Phobos 1 ” sfortunatamente si perse dopo due mesi di viaggio, a causa (questa la spiegazione ufficiale) di “un comando radio sbagliato”.
Anche il contatto con “Phobos 2″ si interruppe in circostanze misteriose: ma non prima che la sonda inviasse alcune immagini e dati del pianeta Marte.

“Phobos 2″ era arrivata a destinazione nel gennaio del 1989, e si era collocata in orbita intorno a Marte, preparandosi alla sua missione primaria: trasferirsi in un’orbita “in tandem” con Phobos per esplorare la piccola luna con sofisticati equipaggiamenti, fra i quali due capsule strumentali, che dovevano essere piazzate sulla superficie della luna stessa. 
Tutto andò bene fino al momento in cui “Phobos” (la sonda) non si allineò con Phobos (la luna). In quel momento, il 28 marzo, il centro di controllo della missione sovietica improvvisamente e senza preavviso cominciò ad avere “problemi di comunicazione” con la navicella. L’agenzia di stampa ufficiale sovietica (all’epoca esisteva ancora l’URSS), la TASS, riporto’ in un comunicato che la sonda “aveva perso il contatto con la Terra dopo aver completato una serie di manovre attorno alla luna di Marte, Phobos. Gli scienziati non sono stati in grado di ripristinare il collegamento radio”.

 

La prima foto è stata resa pubblica il 22 novembre 1991 alla trasmissione Larry King Live, quando il direttore del Centro Studi UFO Don Ecker, apparso in mostra con l’autore Keith Thompson, ha detto che l’UFO catturato dalla macchina fotografica di Phobos 2 aveva una lunghezza stimata in circa 15 miglia.

Molta polemica circonda l’ultima foto scattata da Phobos 2 – (vedi sotto) – la foto sembra mostrare un lungo oggetto sottile, appena sotto la luna Phobos. Le stime lo danno di dimensioni e lunghezza di parecchi chilometri . Tuttavia, i critici dicono l’oggetto potrebbe essere altro, anche un artefatto della fotocamera, dal momento che molte immagini dalla fotocamera stessa hanno mostrato delle linee di artefatti che molto probabilmente sono dovute alla trasmissione. Queste striature bianche sono simili all’oggetto spaziale non identificato.

 

Eppure, molti sostengono che l’immagine mostra un UFO. Questa fotografia è stato rivelata a Dicembre 1991 da Marina Popovich (nella foto sotto), un famoso pilota di test sovietici a volte chiamata “Russian Chuck Yeager” famosa nel mondo dell’aviazione sovietica e che possiede 17 documenti circa la missione segreta Phobos 1 e 2 con altrettante fotorafie delle astronavi avvistate e fotografate.

Marina Popovich sostiene che la fotografia gli è stata consegnata dal cosmonauta Alexei Leonov, che fu il primo uomo a camminare nello spazio e anche un alto funzionario del programma spaziale sovietico e che lei aveva ceduto ad altri ricercatori “di contrabbando” fuori dell’ex Unione Sovietica. Secondo lei, la foto mostra chiaramente un UFO (Astronave ALiena) sospesa vicino alla luna Phobos, ed è “il primo documento fotografico mai trapelato di una Alien Mothership  nel sistema solare. Dice che questo è stato a quanto pare la causa della scomparsa della sonda Phobos 2, ovvero questo oggetto alieno avrebbe sparato un raggio contro la sonda Phobos distruggendola.

Fonte Segnidalcielo.it

 

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license