Ecco uno sguardo dettagliato del misterioso albero di Osiride sotto le piramidi di Giza

04 Giugno, 2018 |Tag: Esopolitica | from Author

Selim Hassan e il suo team furono tra i primi a esplorare il pozzo negli anni '30

Se viaggi sull'altopiano di Giza, dovresti sapere che ci sono molte cose incredibili da esplorare, oltre alle tre piramidi principali.

Una di queste fantastiche caratteristiche è la cosiddetta Tomba di Osiride, o comunemente indicata come Osiris Shaft.

Situato sotto la strada rialzata di pietra della Piramide di Khafre, questa tomba enigmatica è una misteriosa struttura composta da vari livelli finemente scolpiti sotto la superficie.

Nonostante il fatto che la sua esistenza sia nota da alcuni anni, non è stato fino a poco tempo fa che la struttura era stata adeguatamente scavata e documentata.

Nei tempi antichi, l'albero era usato dalle persone come un buco per nuotare poiché era pieno d'acqua.

Selim Hassan e il suo team furono tra i primi a esplorare il pozzo negli anni '30 , ma non fu fino al 1999, quando la struttura fu completamente scavata da Zahi Hawass. Nel 1999 i livelli dell'acqua all'altopiano di Giza si erano abbassati al punto che era possibile uno scavo dettagliato.

Ecco la descrizione di Selim Hassan dell'Osiris Shaft:

Gli scavi di Selim Hassan del 1933-34 riportano per Giza.

"Sulla superficie della strada rialzata, hanno prima costruito una piattaforma a forma di mastaba, usando pietre prelevate dalle rovine del corridoio coperto della strada rialzata. Al centro di questa sovrastruttura, affondarono un pozzo, che passò attraverso il tetto e il pavimento della metropolitana che scorreva sotto la strada rialzata fino a una profondità di circa 9,00 m. In fondo a questo pozzo c'è una camera rettangolare, nel pavimento del lato orientale del quale c'è un altro pozzo. Questo scende circa 14,00 m. e termina in una spaziosa sala circondata da sette camere funerarie, ognuna delle quali è un sarcofago. Due di questi sarcofagi, che sono di basalto e sono monolitici, sono così enormi che all'inizio ci siamo chiesti se contenessero i corpi di tori sacri ".

È stato rivelato che l'albero è composto da tre diversi livelli.

Il primo livello è risultato essere vuoto .

Il secondo livello è un tunnel che conduce in una stanza con sei altre camere scavate nei muri di pietra. All'interno di queste camere, i ricercatori hanno recuperato frammenti di ceramica, perle di ceramica e ushabtis (figurine di piccoli servitori).

Inoltre, i sarcofagi di basalto sono stati trovati nelle camere C, D e G; resti scheletrici male decomposti sono stati trovati nei sarcofagi delle camere C e G. Sulla base di motivi stilistici i manufatti, compresi i sarcofagi, risalgono alla dinastia 26 ( ibid . : 386-87 ).

Nella camera più bassa del pozzo Osiride, circa 30 metri sotto la superficie giace un mistero descritto da Erodoto, che è stato scritto come un mito dagli studiosi mainstream.

Tuttavia, si è scoperto che Erodoto aveva sempre ragione e che gli studiosi tradizionali sbagliavano.

La camera più bassa del pozzo è una specie di sala sotterranea , e al suo interno si trova un sarcofago, perfettamente conservato e vuoto. Il terzo livello di Osiris Shaft è risultato essere più complesso per quanto riguarda il design e l'architettura.

La scoperta più importante fatta nel terzo livello dell'Osiris Shaft era di ceramica lucidata di rosso, contenente tracce di vernice bianca. Gli esperti sono riusciti a datare la ceramica rimane alla sesta dinastia, dalla fine del vecchio regno.

Ciò significa che la ceramica recuperata nel terzo livello è, infatti, il materiale databile più antico possibile dell'intero complesso.

Basandosi su ricerche e prove archeologiche recuperate nel corso degli anni, si ritiene che l'Osiride Shaft risalga originariamente all'antico regno, più precisamente alla sesta dinastia (2355-2195 aEV).

Il pozzo Osiris è stato aperto al pubblico per la prima volta nel 2017.

Recentemente, l' autore e ricercatore Brien Foerster ha esplorato l'Osiris Shaft.

Il risultato?

Una magnifica intuizione nel misterioso condotto che dimostra che, nonostante sappiamo molto sull'antico Egitto, ci sono molti dettagli che non abbiamo ancora scoperto.

Brien Foerster e il suo team torneranno sull'altopiano di Giya nell'aprile 2019. Per ulteriori informazioni, dai un'occhiata a questo .

Il saggio di Zahi Hawass sull'Osiris Shaft può essere scaricato da questo link: The Discovery of the Osiris Shaft at Giza .

https://www.filosofiaelogos.it

Fonte