Il cratere humongous viene definito dai locali come la 'Porta degli inferi'

03 Marzo, 2017 |Tag: Scienze | from Author

Gli scienziati sono molto preoccupati perché non smette di crescere

Gli scienziati hanno scoperto qualcosa di veramente preoccupante in Siberia. Un enorme cratere aperto rivelando un 'mondo perduto congelato nel tempo'. La gente del posto lo chiama la 'Porta degli inferi'.
Il cratere enorme, che si trova a circa 660 chilometri a nord di Yakutsk, è noto agli esperti dal 1960 come una rapida deforestazione che ha cambiato completamente la zona. Senza alcuna ombra per proteggere il terreno dai raggi del sole, il permafrost si sciolse e il terreno si affloscia catastroficamente.
Il cratere humongous viene definito dai locali come la 'Porta degli inferi'.
Gli esperti ritengono che l'enorme cratere è stato creato esclusivamente come risultato della fusione del permafrost nel paesaggio siberiano.
Questo fenomeno curioso trasforma la superficie in modo irriconoscibile ed è solo uno dei molti eventi terrificanti che accadono in Siberia a parte le temperature glaciali.
Il cratere enorme è ufficialmente conosciuto come Batagaika e dopo più di 50 anni dalla creazione appaiono gli scienziati sono molto preoccupati perché non smette di crescere.
Con quasi un chilometro di lunghezza e circa 100 metri di profondità, si teme che in pochi mesi raggiungerà la vicina valle.
Lo scorso anno, un'indagine ha rivelato che negli ultimi dieci anni il buco è cresciuto a un ritmo senza precedenti di una decina di metri l'anno, anche se in anni particolarmente caldi la crescita è aumentata fino a 30 metri l'anno.
"In media nel corso degli anni, abbiamo visto che non c'è decelerazione , è in continua crescita", dice Frank Günther del Alfred Wegener Institute di Potsdam, in Germania. "E continua la crescita significa che il cratere ottiene ogni anno sempre di più."
Gli esperti dicono che il permafrost si scioglie sempre di più, grandi quantità di carbonio sono esposti ai microbi. A sua volta, i microbi consumano carbonio, producendo metano e biossido di carbonio come prodotti di scarto. Questi gas serra vengono poi rilasciati in atmosfera, accelerando ulteriormente il riscaldamento, riferisce la BBC.
Il fatto che il cratere continua a crescere ad un ritmo che sembra inarrestabile non rappresenta solo un pericolo per la gente del posto, ma potrebbe finire per influenzare l'intero pianeta. La rimozione del permafrost potrebbe portare al rilascio di grandi quantità di gas serra che sono tenuti dalla tundra sotto la sua superficie.
"Stime globali del carbonio immagazzinato nel permafrost è [la] stessa quantità che è in atmosfera", afferma Günther.
"Questo è ciò che chiamiamo un feedback positivo", afferma Günther. "Warming accelera il riscaldamento, e queste caratteristiche possono svilupparsi in altri posti. Non è solo una minaccia per le infrastrutture. Nessuno può fermare questo sviluppo. Non c'è alcuna soluzione tecnica per fermare questi crateri in via di sviluppo ".
Il professor Giuliano Murton, un geologo presso l'Università del Sussex, ha dichiarato: "In un certo senso, Batagaika fornisce una visione di quanto è accaduto in passato e ciò che è probabile che accada in futuro.
"Che riscalda il clima - Credo che non c'è ombra di dubbio - avremo un aumentare il disgelo del permafrost e sempre più lo sviluppo di caratteristiche queste" termocarsismo. Ci saranno più crolli e più gullying, più erosione della superficie terrestre. "
"Penso che ci sia sempre più evidente nel corso degli ultimi decenni che l'attività termocarsismo nell'emisfero settentrionale è in aumento in estensione ed intensità."
Mentre non vi è la prova di ciò che è accaduto in Groenlandia, Cina o l'Antartide, la storia della Siberia è in gran parte sconosciuta. Conoscere ciò che si verifica in Siberia e in che modo, sostengono gli esperti, ci offrirebbe la possibilità di prepararsi meglio per quello che può venire. Per raccogliere ulteriori dati, gli scienziati prevedono di scavare buche nella regione al fine di analizzare i sedimenti.

English version

What scientists found in Siberia is truly TERRIFYING! And it’s just the beginning

Scientists have discovered something truly worrying in Siberia. A huge HELLMOUTH crater has opened revealing a ‘lost world frozen in time’. It’s called the ‘Doorway to the underworld’ by locals.

The massive crater, located around 660 kilometers north of Yakutsk, is known to experts since the 1960’s as rapid deforestation changed the area. Without any shade to protect the ground from sun rays, the permafrost melted and the ground sagged catastrophically.

The humongous crater is referred to by the locals as the ‘Doorway to the underworld’.

Experts believe the massive crater was created solely as a result of melting permafrost in the Siberian Landscape.

This curious phenomenon transformed the surface in an unrecognizable way and is just one of the many terrifying events happening in Siberia as temperatures around the world rise.

The massive crater is officially known as Batagaika and over 50 years after it started appearing scientists are extremely worried because it does not stop growing.

With almost a kilometer of length and around 100 meters of depth, it is feared that in a few months it will reach the neighboring valley.

Last year, an investigation revealed that in the last decade the hole has become at an unprecedented rate of ten meters per year, although in especially hot years the growth has increased up to 30 meters per year.

“On average over many years, we have seen that there’s not so much acceleration or deceleration of these rates, it’s continuously growing,” says Frank Günther of the Alfred Wegener Institute in Potsdam, Germany. “And continuous growth means that the crater gets deeper and deeper every year.”

Experts say that as more permafrost thaws, large amounts of carbon are exposed to microbes. In turn, microbes consume carbon, producing methane and carbon dioxide as waste products. These greenhouse gasses are then released into the atmosphere, accelerating warming further, reports BBC.
The fact that the crater continues to grow at a rate that seems unstoppable does not only represent a danger for the locals but could end up affecting the entire planet. The removal of the permafrost could lead to the release of large amounts of greenhouse gasses that are kept by tundra under its surface.

“Global estimations of carbon stored in permafrost is [the] same amount as what’s in the atmosphere,” says Günther.

“This is what we call positive feedback,” says Günther. “Warming accelerates warming, and these features may develop in other places. It’s not only a threat to infrastructure. Nobody can stop this development. There’s no engineering solution to stop these craters developing.”

Professor Julian Murton, a geologist at the University of Sussex, said: “In some sense, Batagaika does provide a view to what has happened in the past and what is likely to happen in the future.

“As the climate warms – I think there’s no shadow of a doubt it will warm – we will get increasing thaw of the permafrost and increasingly development of these ‘thermokarst’ features. There will be more slumps and more gullying, more erosion of the land surface.”

“I think there’s growing evidence over the last few decades that thermokarst activity in the northern hemisphere has been increasing in extent and intensity.”

While there is evidence of what happened in Greenland, China or Antarctica, the history of Siberia is largely unknown. Knowing what occurs in Siberia and how, argue experts, would offer us a chance to better prepare for what can come. To gather more data, scientists plan to dig holes in the region in order to analyze sediments.

http://www.filosofiaelogos.it/

Fonte: http://www.ancient-code.com/what-scientists-found-in-siberia-is-truly-terrifying-its-just-the-beginning/