Lo studio conferma che i cannabinoidi si trovano naturalmente nel latte materno umano!

07 Ottobre, 2019 |Tag: Esopolitica | from Author

 

I cannabinoidi sono vitali per il corretto sviluppo umano.


Lo studio conferma che i cannabinoidi si trovano naturalmente nel latte materno umano

Lo studio conferma che i cannabinoidi si trovano naturalmente nel latte materno umano

Nel gennaio 2017 uno studio ha confermato che i cannabinoidi si trovano naturalmente nel latte materno umano e ora sta dimostrando di essere ancora più rilevante di uno studio come mai.

Secondo i risultati di numerosi importanti studi scientifici, il latte materno umano contiene naturalmente gli stessi cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis, che sono vitali per il corretto sviluppo umano.

Le membrane cellulari del corpo sono naturalmente dotate di questi recettori dei cannabinoidi che, quando attivati, supportano e mantengono la salute umana. Il latte materno umano è un'abbondante fonte di endocannabinoidi, un tipo specifico di lipide neuromodulatore che in sostanza insegna a un bambino neonato come mangiare stimolando il processo di allattamento.

La dott.ssa Melanie Dreher ha studiato le donne che usano cannabis durante la loro intera gravidanza e poi ha studiato i bambini un anno dopo la nascita. Scoprì che i bambini delle donne che avevano fumato cannabis quotidianamente durante la gravidanza socializzavano più rapidamente, stabilivano un contatto visivo più rapidamente ed erano più facili da coinvolgere.

Se non fosse per questi cannabinoidi nel latte materno, i neonati non saprebbero come mangiare, né avrebbero necessariamente il desiderio di mangiare, il che potrebbe provocare una grave malnutrizione e persino la morte. I bambini allattati al seno ricevono naturalmente dosi di cannabinoidi che innescano la fame e promuovono la crescita e lo sviluppo.

Le osservazioni su come i bambini si comportano dopo essere stati nutriti mostrano che mostrano sintomi di uso di cannabinoidi. Oltre alla funzione essenziale di stimolare l'appetito dei neonati, i cannabinoidi aiutano anche a calmare e rilassare il bambino. I cannabinoidi, tuttavia, non sono presenti nella formula per bambini, il che lo rende molto inferiore al latte materno.

Inoltre, uno studio sul sistema dei recettori degli endocannabinoidi pubblicato sull'European Journal of Pharmacology ha riportato: “Le implicazioni mediche di questi nuovi sviluppi sono di vasta portata e suggeriscono un futuro promettente per i cannabinoidi nella medicina pediatrica per condizioni tra cui l'insufficienza non organica- prosperare "e fibrosi cistica".

Esistono due tipi di recettori dei cannabinoidi nel corpo; la varietà CB1 che esiste nel cervello e la varietà CB2 che esiste nel sistema immunitario e in tutto il resto del corpo. Ognuno di questi recettori risponde ai cannabinoidi, sia dal latte materno umano nei bambini, sia dalla cannabis.

Ciò significa essenzialmente che il corpo umano richiede e produce endocannabinoidi, poiché queste sostanze nutritive svolgono un ruolo fondamentale nel sostenere e mantenere la salute umana.

Inoltre, scopri di più sullo stato di legalità dell'olio di cannabis nel Regno Unito.

__

Study Confirms Cannabinoids Occur Naturally In Human Breast Milk

In January 2017 a study confirmed that cannabinoids occur naturally in human breast milk-and it’s proving now to still be as relevant of a study as ever.

According to the findings of several major scientific studies, human breast milk naturally contains of the same cannabinoids found in the cannabis plant, which are vital for proper human development.

Cell membranes in the body are naturally equipped with these cannabinoid receptors which, when activated support and maintain human health. Human breast milk is an abundant source of endocannabinoids, a specific type of neuromodulatory lipid that basically teaches a newborn child how to eat by stimulating the suckling process.

Dr. Melanie Dreher studied women using cannabis during their entire pregnancy and then studied the babies one year after birth. She found that babies of the women who had smoked cannabis daily during their pregnancy socialised more quickly, made eye contact more quickly and were easier to engage.

If it were not for these cannabinoids in breast milk, newborn children would not know how to eat, nor would they necessarily have the desire to eat, which could result in severe malnourishment and even death. Newborn children who are breastfed naturally receive doses of cannabinoids that trigger hunger and promote growth and development.

Observations of how babies acts after being fed show they exhibit symptoms of cannabinoid use. As well as the essential function of stimulating an infants appetite, cannabinoids also help to calm and relax the baby. Cannabinoids are not, however, present in baby formula, which makes it far more inferior to breast milk.

Furthermore, a study on the endocannabinoid receptor system that was published in the European Journal of Pharmacology reported: “The medical implications of these novel developments are far reaching and suggest a promising future for cannabinoids in paediatric medicine for conditions including ‘non-organic failure-to-thrive’ and cystic fibrosis.”

There are two types of cannabinoid receptors in the body; the CB1 variety which exists in the brain, and the CB2 variety which exists in the immune system and throughout the rest of the body. Each one of these receptors responds to cannabinoids, whether it be from human breast milk in children, or from cannabis.

This essentially means that the human body requires and produces endocannabinoids, as these nutritive substances play a critical role in supporting and maintaining human health.

Also, learn more about the legality status of cannabis oil in the UK.

https://www.filosofiaelogos.it

Fonte