I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

I Segreti della Kabala Ebraica

   
03 Giugno, 2013 | Category : Esoterismo | Author: Fonte | Commenti  


Zecher

Abbiamo visto come ad un dato momento storico il popolo ebraico andasse incontro ad una definitiva scomparsa o assimilazione e come i suo sacerdoti avessero attuato un autentico ribaltamento della Legge mosaica interpretandone i precetti e codificandoli nei Talmud e successivamente nella dottrina esoterica della Kabala.
Le principali opere di dottrina kabalistica verranno realizzate e composte essenzialmente tra l’ XI° e il XII° secolo nella Spagna moresca e ad esseci dobbiamo riferire per trarne informazioni utili per comprenderne essenza e una conoscenza maggiore.
Il rabbino e studioso di Kabala Salomon ben Gabirolfu l’ autore di due trattati importanti fondamentali il ‘Keter Malkut’ e il ‘Mekor Hayim’ .
Un secolo piu’ tardi apparve nella Provenza cristiana un altro trattato , il ‘Sefer ha Bahir’ d i autore sconosciuto.
Nel XVIII° secolo il rabbino Moises Ben Sem Tob deLeon compose forse il piu’ noto fra tutto i trattati kabalistici il ‘Sefer ha Zohar’ , propriamente conosciuto con il semplice nome di ‘Zohar’ il quale raccoglierebbe al suo interno i segreti piu’ riposti della dottrina kabalistica , in ebraico simboleggiati dalla figura del ‘Merkaba’ o ‘Carro celeste’ .
Notiamo a titolo puramente di cronaca che l’ identico nome è stato donato dall’ esercito israeliano moderno al proprio carro armato d’ elitè, il Merkaba appunto , con il quale i sionisti occuparono e presero d’ assedio per quasi tre mesila città e capitale libanese di Beirut.
Abraham Abulaffia , che fu maestro del noto occulti sta di Valencia , Arnaldo De Vilanova , compose da parte sua il ‘Sefer ha Hot’ .
Ricordiamo inoltre l’ altro celebre kabalista , Isa ac Loria , che nel XVI° secolo emigro’ in Palestina per costituire una scuola di dottrina kabalistica nota come ‘scuola di Safed’.
La dottrina della kabala e’ un’ insieme complicato e contradditorio di nozioni relative al Segreto della Genesi dell’ umanità , al Suo Creatore, allo sviluppo della Vita.
In effetti ad una prima visione dello spirito kabalistico si noteranno profonde e distinte influenze di origini panteistiche, magiche e persino politeiste.
Nella lettura della Kabala il Dio Assoluto , il Creatore della Vita , viene identificato con il termine ebraico di ‘En-Sofh’.
Soprattutto nello ‘Zohar’ questo concetto , piuttosto difficile e astratto , di un’ entità superiore viene racchiuso nel termine ebraico del ‘Temir micol Temerim’ ( trad. ‘L’ Occulto degli Occulti’ )mentre altre volte lo si puo’ identificare come ‘Ilat ha-Ilot’ ossia ‘La Causa della Cause’ .
Il termine ‘En Sofh’ rappresenterebbe pertanto l’ infinito , che letteralmente in ebraico si traduce come un’ entità senza limite , o meglio una non entità .
L’ Infinito del quale si stà parlando puo’ qui essere associato al Vuoto Primordiale , al Caos primigenio , al Nulla dell’ Inizio.
Ma crediamo che niente di quanto finora abbiano scritto per descrivere meglio e dare un senso alla parola ebraica ‘En Sofh’ racchiude esattamentecio’ che essa significa.
‘En Sofh’ è il Nulla.
Abbiamo avuto occasione nel nostro precedente volume ‘L’ Islam e l’ Occidentalizzazione del Mondo’ di soffermarci meglio sul concetto di Stato pre-cosmico e di Nascita della Vita ,
cercando nella Tradizione una risposta relativa alla nascita dello stato delle cose.
In effetti l’ ebraismo ha forse racchiuso dentro di se’ nella lettura kabalistica precedenti strutture dottrinarie relative alla nascita dell’ Universo , intendendo questo fatto pero’ come una casualità inesplicabile del quale responsabile verrebbe ad essere appunto ‘En Sofh’ , il Niente Primigenio.
Il rabbino Asriel di Girona cerco’ di segnalare questo stato di vuoto assoluto , ricercando nella parola ebraica ‘Ani’ letteralmente ‘Io’ la sua contraria ‘Ayin’ che significa ‘Niente’ il senso comune e la natura dell’ annullamento del tutto nel Niente, dell’ Io , Essenza , nel Niente.
E’ qui’ importante segnalare come l’ entità denominata ‘En Sofh’ stà , per i kabalisti , al di sopra del Dio ebraico ‘Yahvè’, poiché se quest’ ultimo risulta essere il Dio Storico della Tradizione Ebraica , il primo indicherebbe in realtà il Suo Superiore sconosciuto, occulto.
Non e’ chiaro per esempio se con l’ espressione ‘Anziano tra gli Dei’ , che si puo’ incontrare nel 7° capitolo del Libro di Daniele , si alludesse a ‘ En Sofh’ oppure a ‘Yahvè’ certamente cio’ conferma una notevole confusione e una dicotomia ne l rapporto di subordinazione del secondo rispetto al primo.
Il simbolismo di ‘En Sofh’ è nella kabala la circonferenza.
Ora la circonferenza nella Tradizione rappresenta uno dei simbolismi piu’ spesso utilizzati in distinte occasioni per racchiudere in uno spazio un Insieme, per visualizzare un Tutto Infinito.
Lo stesso Renè Guenon , noto in Occidente per aver ricercato e sviluppato massimamente i suoi studi sulla dottrina dell’ Unità delle Tradizioni , ne cita spesso l’ utilizzo da parte di distinte realtà tradizionali e i significati piu’ profondi.
Nella lingua araba solo per fare un esempio la circonferenza designa anche il numero zero , in arabo ‘kafar’ , che verrà riutilizzato dagli europe i ( a contatto proprio con i mussulmani ) per
designare invece le cifre , cosi’ questa si trasformo’ nell’ italiana ‘cifra’ , nella francese ‘chiffrè’ , nella tedesca ‘ziffer’ e nell’ inglese ‘cifre’.
Ma ritornando all’ essenza di ‘En Sofh’ và ricordato come questa sia essenzialmente un’ Infinito inconoscibile all’ occhio e alla percezione umana.
Non viene descritto da alcun attributo , né puo’ venir raffigurato, di questa entità non è permesso parlare , pero’ un dato momento dalle tenebre primo rdiale questo Infinito si manifesto’ attraverso quelle che , nella tradizione kabalistica , sono le dieci ‘sephirot’ .
Le dieci ‘sephirot’ appaiono nel Libro della Creazione come i dieci numeri primi geniti , i quali – assieme ad ‘En Sofh’ – andarono a formare un sistema numerico a base 11.
Tale libro conferisce inoltre un ruolo fondamentale anche alle 22 lettere dell’ alfabeto ebraico.
Il noto studioso ebreo di Talmud , Gershom Scholem, fra i piu’ importanti rappresentanti dei circoli universitari di teologia di Gerusalemme afferma , in merito agli 11 numeri e alle 22 lettere che ‘questi rappresentano l’ insieme delle forze occulte la cui convergenza ha prodotto le diverse combinazioni che si possono osservare nel miracolo della creazione : esse rappresentano i 32 sentieri della Sapienza con i quali Dio ha creato cio’ che esiste’.
D’ altra parte è qui’ utile rilevare come 11 numeri e 22 lettere diano per risultato 33 che sono i gradi istituiti dalla Massoneria moderna all’ inizio del XIX° secolo dalla Loggia riservata agli ebrei di Charleston e diretta dal banchiere sionista Esteban Morin.
E’ cosi’ che , appropriandosi di numerologia e simbologia ebraiche , la Libera Muratorio compie da due secoli i propri rituali e le proprie cerimonie.
Il grado 33° della gerarchia massonica moderna corrisponde quindi , né piu’ né meno , ad ‘En Sofh’ , supremo Gran Maestro.
‘Circa i contenuti dei libri cabalistici possiamo dire che non ci discostiamo molto dalla dottrina gnostica. Il Pleroma, il Dio-Tutto valentiniano, è chiamato nello ‘Zohar’ l’ In sé (En Sof=non limitato), l’Essere Immutabile, eternom ,ineffabile, infinito che racchiude in sé ogni cosa.’ (1°)
I dieci sephirot del ‘Libro della Creazione’ non sono esattamente identici a quelli che sono descritti nello ‘Zohar’ o ‘Libro dello Splendore’.
I primi secondo Adolf Frank , professore ebreo di teologia , non si possono applicare che ‘all’ universo creato , lasciando al di fuori del suo ambito la Causa o Essenza Immutabile dell’ universo stesso mentre i secondi servono da intermediari fra l’ Essere Infinito e la creazione , questi ultimi ci mostrano il principio assoluto del le cose molto prima che il mondo venisse creato, arrivando a costituire per gradi l'’Essenza Divina , dandosi tutti quelli attributi ad essa
mancanti , convertendosi cosi’ nel mezzo piu’ appropriato per la realizzazione di cio’ che piu’ tardi creerà assumendo cosi’ le caratteristiche del la stessa eternità , prima di espandersi verso l’ esterno fino ad arrivare a riempire con il suo splendore lo spazio ed il tempo.’
‘En Sofh’ prima di manifestarsi genero’ un punto qu asi impercettibile , corrispondente secondo gli studiosi di kabala alla lettera ebraica ‘Yod’ .
Da questo primo punto sorgerà il primo sephirah , voce ebraica singolare di sephirot , il quale è denominato all’ interno dell’ albero delle sephirot come ‘Keter’ in ebraico ‘Corona’.
La lettera ebraica ‘ Yod’ è d’ altra parte l’ iniziale del nome biblico di Yahvèh o Jehova , il nome con il quale Dio apparve a Mose’ sul monte Sinai.
In effetti il nome ‘Yahvèh’ è la contrazione di ‘Eyeheh Ascher Eyeheh’ che in lingua ebraica significa ‘Io sono quello che sono’.
In un certo modo il mosaismo indica la Divinità piu ’ come un essenza indipendente il cui solo esistere ne rappresenta la Massima Espressione in quanto Yahvè è comunque inimmaginabile e inconoscibile.
Identificandolo con ‘Keter’ la dottrina kabalistica pone il Dio Yahvè al di sotto di ‘En Sofh’ e presenta l’ intera storia della creazione come una forma di emanazione propria del panteismo e di forme di culto magico-naturalistiche.
Lo ‘Zohar’ distingue quattro fasi distinte della creazione parallelamente a quattro mondi .
Il primo fra questi mondi è cio’ che viene comunemente riconosciuto dal kabalismo come ‘Olam Azilut’ o ‘Mondo dell’ Emanazione Primigenia’ costi tuito dall’ albero delle dieci sephirot che in sequenza risultano essere:

  1. Keter la Corona ;
  2.  Hohma spesso trascritto in ebraico come Chocmach ossia la Sapienza ;
  3.  Binah l’ Intelligenza ;
  4.  Hesed o ‘Gedulah’ ossia la Grazia o Misericordia ;
  5.  Din o ‘Geburah ossia la Giustizia ;
  6.  Tiferet la Bellezza ;
  7.  Netsah la Forza o la Vittoria ;
  8.  Hod il Regno ;
  9.  Yesod il Fondamento o Base e infine
  10.  Malkut la Realizzazione.

Il percorso completo delle sephirot è essenzialmente racchiuso nell’ espressione ebraica ‘Keter Malkut’ usata da Salomon ben Gabirol per definire appunto la ‘Corona Reale’.
Nei tre sephirot superiori , che si differenziano chiaramente dagli altri cinque in ordine alla loro importanza e significato , si è soliti assegnare un carattere a-sessuale a ‘Keter’ , uno maschile a ‘Hohma’ ed uno femminile a ‘Binah’.
Questi ultimi due sephirot sono anche riconosciuti dal kabalismo come il Padre e la Madre i quali andranno a concepire un figlio il quale non figura nell’ albero sephirotico poiché esso andrebbe a rappresentare la Conoscenza, la Sapienza e viene designato con il nome ebraico di ‘Deyat’.
I tre sephirot superiori insieme formano , a loro volta , la testa dell’ Asam Kadmon ( l’ Adamo Celeste ) , l’ uomo primordiale per eccellenza , la trasfigurazione divina dell’ umanità , il quale rappresenta la perfezione assoluta del Creato che ritroveremo espressa anche nell’ Islam attraverso l’ Adamo Ruhani.
Gli altri sephirot sono invece quelli che si ripartiscono tra il petto , le braccia, la metà inferiore del corpo , le gambe e la base che sostiene i suoi piedi.
Al di sotto dell’ Olam Azilut si trova invece l’ Olam Beriah , in ebraico il mondo della creazione dove si trova l’ Angelo Metatrono.
Questa creatura è ritenuta , dall’ ebraismo , inferiore all’ Adam Kadmon , perché non discenderebbe direttamente da ‘En Soph’ .
Il nome greco di Metatrono probabile vestigia della filosofia alessandrina di Filon indica chiaramente che esso si situa esattamente al di sotto del Trono Divino e , tra le sue funzioni , ha quella di governare il mondo visibile e quindi di mantenere l’ ordine cosmico.
Nella kabala ebraica talvolta si dice che Metatrono sia l’ abbigliamento di Dio chiamato in ebraico ‘Saday’ che significa ‘Misericordioso’ anzi ché Yahvè.
Qualcuno ha voluto sottolineare una analogia con i 99 nomi di Allah che formano nell’ Islam la serie di attributi che i mussulmani riconoscono al loro Signore il primo fra i quali è proprio ‘al
Rahman’ ( il Misericordioso ) .
Al livello inferiore , al terzo della scala kabalistica , si trova invece l’ Olam Yetsirah in ebraico il Mondo della Creazione Formativa nel quale si situerebbero gli Angeli.
Questi ultimi , cosi’ come per la teologia cristiana – che dall’ ebraismo ha sicuramente attinto gran parte delle sue interpretazione essendone comunque una derivazione – sarebbero suddivisi in dieci cori , e rappresenterebbero delle emanazioni dell’ Angelo Metatrono.
La teologia cristiana ammetterebbe solamente nove cori angelici , tutti creati da Dio Onnipotente : i serafini, i cherubini, i troni, le dominazioni, i principati, la potesta’ , la virtu’ , l’ arcange li e gli angeli propriamente detti.
Nel quarto livello infine si situa l’ Olam Asiah il mondo della Fabbricazione nel quale vivono uomini, animali e vegetali.
A contrastare i piani divini vi sarebbero pero’ i demoni, o angeli caduti , i quali operando nell’ Olam Asiah si opporrebbero per traviare gli uomini e offuscare la Luce Divina che , per questo motivo , si manifesterebbe solamente in maniera parziale.
I demoni della kabala ebraica si suddividono a loro volta in dieci cori capitanati da Belzebu’ formanti un’ unità chiamata ‘Khulipah’ ; i loro nom i sono : Nebo , Belial , Asmodeo , Satan, Merinim , Abaddon, Astarot, Mammon e Behemot acerri mi avversari di Dio e oppositori ai Suoi Angeli .
Gli angeli , per contro , avrebbero una identica si tuazione di gerarchia interna e fra loro assumerebbero un rilievo soprattutto Raziel , Uriel , Nuriel , Rachmiel , Zadchiel , Nogah , Meodin , Tahariel , Padael , Yosem Ha-schammaim .
Per il kabalismo ebraico i nomi dei demoni non sono sempre gli stessi , per esempio Nebo , che era in origine una divinità caldea , avuto come figlio Marduk ( nel cui tempio si officiavano oracoli ) è stato spesso designato anche con il termine greco di Piton , nome che allude alla sua funzione spirituale.
Non da meno per gli ebrei assumono tratti demoniaci e sono inclusi negli elenchi della kabala i nomi di alcune divinità appartenenti ai loro avversari palestinesi.
Cosi’ il Dio degli ammoniti , Moloch , viene incluso fra i demoni e annoverato tra i piu’ maligni degli avversari di Dio.
Un volume di origine antichissima intitolato ‘La Clavicola di Salomone’ – di chiara impronta kabalistica – che si suppone fosse stato dettato e rivelato dal mitico re Salomone a suo figlio Roboam , menziona una lista di dieci demoni primari che identifica come : Lucifero, Belzebu’ , Astarot , Lucifugo, Satanakia , Agliaref , Fleuretty , Sargatanas , Nebirus e Masbakes.
A dare un notevole valore al testo in questione , malgrado le riserve espresse da altri  rappresentanti dell’ ebraismo contemporaneo , sarebbero le dichiarazioni e l’ assoluta sicurezza con le quali il noto kabalista Eliphas Levi (2°) l o utilizza anche per i suoi scopi di provare una antichissima filiazione della Massoneria speculativa moderna alla quale lo stesso Levi era affiliato.
Il volume in questione ci dimostra la chiara natura panteistica di una determinata corrente del kabalismo europeo , soprattutto l’ utilizzo di tecniche particolari di iniziazione e di preparazione esoterica inerenti l’ invocazione di determinati demoni per fini non propriamente ortodossi e regolari.
Il trinomio kabalismo-esoterismo-magia accompagnerà del resto l’ esperienza del talmudismo in Europa per tutto il medioevo (3°) , cosi’ come verrebbe confermato dalla leggendaria storia del Golem di Praga , una creatura invocata durante un rito kabalistico dai rabbini del Ghetto della città boema e resa celebre dall’ omonimo testo romanzato di Gustav Meyrink.
Il romanzo ‘Il Golem’ di uno degli autori ebrei piu ’ vicini all’ occultismo , il cui valore e legittimità viene riconosciuto dallo stesso Julius Evola , potrebbe anche essere interpretato come un messaggio trasversale all’ ebraismo kabalistico europeo del XX° secolo , una sorta di avviso lanciato dal Meyrink ai suoi correligionari a non p roseguire in simili esperienze al ‘limite’.
Il Golem è un essere creato da un rito iniziatico e magico condotto a Praga dal rabbino Low il quale riusci’ a donargli la vita scrivendogli sulla fronte la parola ebraica ‘emet’ che significa‘Verità’.
Ritorneremo piu’ diffusamente su questo interessante documento di iniziazione kabalistica.
A livello popolare inoltre non si dovrà tralasciare l’ importanza che ebbe un’ altro noto libello di origine ebraica , conosciuto come ‘I Segreti dell’ Inferno’ , il quale ci dimostra chiaramente l’ utilizzo rituale di dette tecniche di invocazione di presenze sub-liminali , sotto la soglia della coscienza , di entità ‘dell’ aria’ , indecifrabili  e percio’ di natura infera.
Ovviamente non è possibile conoscere tutti i segreti della pratica iniziatica kabalistica , non esistendo un testo scritto che ne racchiuda i riti e le formule , solamente questi libelli che , per ovvi motivi , sono stati misconosciuti dalle comuni tà ebraiche.
Anche se di segno inverso l’ esoterismo ebraico con tenuto in determinate pratiche kabalistiche e in determinati trattati talmudici rimane comunque un esoterismo, quindi una scuola di iniziazione occulta e riservata a pochi eletti.
L’ ambiguità morale della kabala potrà comunque essere descrittà mediante l’ utilizzazione della figura simbolica del serpente.
Nel ‘Sepher Bereschit’ o ‘Il Libro della Genesi di Mosè’ , il Serpente appare come la personificazione di Satana il quale tenta Eva aggrovigliandosi sinuosamente lungo il tronco dell’ albero ‘proibito’.
Questo sentimento di malvagia furbizia , questo ruolo di tentatore infido e seducente verrà successivamente trasmesso anche al cristianesimo e all’ Islam.
E’ singolare pero’ notare come invece nell’ antichi tà erano parecchi i popoli che riconoscevano al serpente degli attributi positivi , arrivando a definirlo come la personificazione dell’ Intelligenza , sia positiva che negativa , e sotto alcuni aspetti la Kabala ne indica la stessa valenza.
E’ per questi motivi che possiamo ammettere che il serpente della kabala ebraica è derivato molto probabilmente da un antico culto zoolatrico.
Né possiamo dimenticare che Mose’ nel deserto costrui’ un serpente di bronzo che colloco’ al di sopra di una croce dalle miracolose virtu’ .
Tale atto iniziatico servirà a proteggere il popolo d’ Israele dai morsi degli animali selvatici durante i quarant’ anni di peregrinazioni nel deserto del Sinai.
Questo serpente di bronzo incomincio’ , con l’ andare del tempo , a diventare oggetto di culto e di idolatria , venne posto al’ interno del Tempio di Gerusalemme e venerato come un Dio .
In onore del serpente di bronzo venivano commemorate delle cerimonie iniziatiche , si bruciava incenso in suo onore , si celebravano i miracoli che la sola presenza di questo procurava a Israele.
Tale situazione duro’ fino all’ VIII° secolo a.C. quando il re Ezechia lo fece distruggere.
Attualmente il serpente di bronzo corrisponde al 25 ° grado dell’ ebraico Rito Scozzese della Massoneria speculativa.
Ricordiamo infine che esiste un altro serpente per la dottrina kabalistica , ancor piu’ importante e simbolicamente efficace di quello costruito da Mose’.
E’ l’ uroboro , o il serpente che ruotando attorno a se’ stesso in orario circonda il mondo intero della sua presenza fino a formare un circolo e a mordersi la coda.
Questo Uroboro ha una particolare e evidente connotazione di sovranità , esso infatti simboleggia il potere del popolo eletto , di Israele, a livello planetario ; ricorda agli ebrei la promessa di yahvè di dominio assoluto sulle altre nazioni.
Lo ‘Zohar’ , il Libro dello Splendore , afferma che ‘quando i tempi saranno conclusi Israele otterrà la sovranità sull’ intero universo’.
L’ Uroboro , il serpente che si morde la coda , ha nell’ esoterismo diverse chiavi interpretative cosi’ come scrive Ephiphanius a pag. 258 del suo ‘Massoneria e Sette Segrete , La Faccia Occulta della Storia’ , laddove lo indica come ‘immagine della coincidenza dei contrari , dottrina della doppia verità che assurdamente sostiene la possibilità di conciliare l’ inconciliabile in una sintesi improponibile : ‘Dio-Satana-bene-male-vero-falso ecc..’ cui l’ Alta Massoneria attribuisce valore di ‘Legge Eterna , che tende sempre a conciliare gli opposti e a produrre l’ armonia finale.’
Il disegno egemonico del Sionismo appare anche in diversi passi del Vecchio Testamento , soprattutto in forma di profezia escatologica ,anche se non sono pochi i commenti che attribuiscono a questi passaggi una connotazione assolutamente priva di valore , trattandosi – si dice – di manipolazioni e falsi adeguatamente studi ati dall’ elitè rabbinica e percio’ apocrifi.
Il trattato talmudico ‘Chaniga’ del resto è molto chiaro in merito alla strategia di dominio planetario dei sionisti: ‘L’ Altissimo parlo’ agli israeliti cosi’ : voi mi avete riconosciuto come unico dominatore del mondo , è per questo che io faro’ di voi i soli dominatori del mondo.’.
Il rabbino Abravanel , espulso nel XV° secolo dai re cattolici della reconquista spagnola , era solito dire ai propri discepoli che : ‘Quando verrà il Messia , figlio di Davide , sterminerà tutti inemici. Pero’ tale venuta sarà preceduta da un conflitto globale che vedrà perire i 2/3 dell’ umanità. Agli ebrei saranno sufficienti 7 anni per distruggere le armate nemiche.’
Il messianismo sionista arriverà a sviluppare forme di assolutismo razzista che non si limiteranno alla sola avversione verso i non ebrei , disprezzati tutti come Goym o Gentili , ma svilupperanno movimenti di natura speculativa e sovversiva che si faranno portatori di una dottrina contro- iniziatica e per loro natura ribelle.
Non bisogna dimenticare che come l’ ideologia sioni sta sarà una costante nella storia del popolo ebraico allo stesso modo il razzismo ad esso inerente rientrerà a pieno titolo fra le pratiche kabalistiche di derivazione panteistica.
Secondo i maggiori commentatori ebraici della kabal a il primo uomo , Adamo , la cui  denominazione proviene dall’ ebraico ‘Adamah’ che significa Terra Rossa , è un essere logicamente terreno pero’ – come abbiamo avuto modo di osservare in precedenza – esso è stato creato a immagine e somiglianza all’ Adam Kadmon di divina emanazione.
Per riprodursi necessito’ di una fase di sdoppiamento dalla quale venne originata Eva , nome quest’ ultimo che nella lingua ebraica assume un doppio significato : ‘Hava’ vuol dire difatti ‘Vita’ e ‘Haya’ che invece significa ‘Serpente’ ( incontriamo ancora una volta questo rettile ) .
Alla luce della dottrina kabalistica attraverso una serie successiva di degenerazioni sono nate e si sono sviluppate le altre razze umane.
Tutti gli uomini – secondo il kabalismo – consterebbero allora di quattro elementi costitutivi : il ‘Guf’ o corpo fisico , il ‘Nefesch’ o corpo sottile , il ‘Ruah’ o anima e il ‘Neschamah’ o spirito puro.
Per i rabbini della kabala lo spirito puro è propri amente di natura divina , anche se si manifesterebbe in maniera limpida soltanto nella stirpe di Jacob , cioè nel popolo eletto d’ Israele , il quale ne sarebbe portatore e in una forma alquanto particolare ‘centro catartico’ .
Apparterebbero al popolo d’ Israele appunto dei requisiti ‘sovrumani’ che ne farebbero il Deus et Machina della storia universale , cme ha rilevato qualcuno Israele diviene l’ orologio del mondo in quanto ad eventi escatologici e all’ approssimarsi dell’ Ultima Ora.
Per effetto delle degenerazioni delle quali si è de tto in precedenza nelle altre razze umane questo spirito puro sarebbe completamente oscurato , alcuni ebrei arrivano ad affermare che neanche esisterebbe.
Il testo ‘Kabbalah ad Pentateucum’ dice chiaramente : ‘L’ ebreo è il Dio vivente , il Dio incarnato. Egli è l’ uomo celestiale , l’ Adam Kadmon. Gli altri sono terrestri di razze inferiori create soltanto per servire l’ ebreo. Sono animali inutili e dannosi.’
Questo razzismo biologico che paragona le razze umane e le nazioni diverse da Israele allo stato di sotto-uomini o animali . non è solamente una manifestazione dottrinale che possiamo rilevare in quei movimenti ‘deviati’ di cui sopra , ma appare come la costante storica e l’ essenza stessa dell’ ebraismo.
Questa idea che venne inizialmente espressa in modo palese dal Talmud , priva di un qualunque supporto filosofico , si ritrova in modo ancor piu’ esplicito nel trattato ‘Babà Mezià’ dove si puo’ trovare scritto che : ‘Voi israeliti siete chiamati uomini , mentre le altre nazioni del mondo non meritano l’ appellativo di uomini ma quello di bestie.’
Lo stesso ‘Zohar’ , considerato il piu’ rilevante trattato kabalistico non è da meno nei giudizi sui non ebrei , in questo libro dello ‘Splendore’ si puo’ trovare questi versi : ‘I popoli gentili costituiscono il prepuzio del genere umano che è doveroso circoncidere...Cosi’ come il letamaio è l’ insieme di escrementi e carogne d’ animali , sul quale si gettano cani e asini morti allo stesso modo i cimiteri dove sono sotterrati i discendenti di Esau’ e Ismaele ( ossia cristiani e
mussulmani ) sono recipienti per cani morti.’
Né è possibile ritenere queste dichiarazioni retaggio di un passato lontano se , ancora ai giorni nostri, i ‘Protocolli dei Savi Anziani di Sion’ recitano testualmente. ‘La nostra forza , nelle attuali traballanti condizioni dell’autorità civile , sarà maggiore di qualsiasi altra, perché sarà invisibile, sino al momento che saremo diventati tanto forti da non temere più nessun attacco per quanto astutamente preparato.’ Ed ancora ‘Il nostro motto dev’essere. ‘Qualunque mezzo di forza ed ipocrisia!’’. In politica vince soltanto la forza pura, specialmente se essa si nasconde nell’ingegno indispensabile per un uomo di stato.’ (4°).
Uno scrittore ebreo contemporaneo, Elia Wiesel , ha del resto sintetizzato duemila anni di terrorismo sionista in una frase , estratta dal Talmud , che pone quale epigrafe nel suo libro ‘Il Giuramento di Kolvillag’ : ‘Se i popoli e le nazioni avessero saputo quanto male si facevano distruggendo il Tempio di Gerusalemme , avrebbero pianto più dei figli d’Israele’.
Teologicamente il razzismo biologico del kabalismo sionista oltre a basarsi su falsificazioni volontarie delle sacre scritture accentua notevolmente la condanna dei ‘Goym’ arrivando a contraddire se’ stesso , spesso non senza una irrazionale e parossistica contraffazione della verità.
Cosi’ puo’ accadere , per esempio, che oltre a particolari errori nell’ albero genealogico dei profeti sacri ad Israele si puo’ trovare affermazioni di condanna totale verso tutti i discendenti di Esau’ , dimenticando che molti ebrei di origine sefardita appartengono anch’ essi alla stirpe idumea.
La confusione regna sovrana quando per esempio sono considerati idumei i seguaci del Cristo e ismaeliti i seguaci di Mohammad o quando viene trascritta aprioristicamente la storia sacra d’ Israele , come nel caso del sacrificio che Abramo è chiamato a compiere – in nome e a gloria di Yahvè – uccidendo il suo primogenito Isacco , quando in realtà il primogenito era Ismaele , il ‘padre’ del popolo arabo che il Patriarca ebbe dalla schiava Ahjiar poi ripudiata nel deserto e salvata dall’ Altissimo.
Tutte queste contraddizioni e questi errori sono il risultato di una serie di volontarie falsificazioni , di interpretazioni errate e di una volontà deliberata della gerarchia rabbinica di far ricadere determinate colpe sui non ebrei.
Non è un caso se nella bibbia si trovano due aggettivi che indicano i non ebrei , entrambi utilizzati a seconda del contesto e del versetto.
Cosi’ le parole ‘Ger’ che significa straniero si me scola con la parola ‘Goym’ che significa gentile.
Questo significa , in linea teorica , che un ‘Ger’ , uno straniero , potrebbe anche praticare la religione mosaica , mentre un Goym rimane confinato al di fuori dell’ ebraismo e etichettato alla
stregua dei politeisti e dei pagani idolatri.
Importante è considerare che questo utilizzo discriminatorio si applico’ diffusamente dapprima solamente nei confronti dei popoli pagani con i qua li gli ebrei vennero in contatto dopo l’ arrivo nella ‘Terra Promesa’ ( confermando quindi che la  Palestina era abitata da altre nazioni ) e poi , successivamente con l’ avvento del cristianesimo, venne esteso ai nazareni o cristiani e infine a islamici e alle altre confessioni religiose presenti sulla terra ma diverse dall’ ebraismo.
Ha Johannes Pohl nel suo ‘Il Talmud’ : ‘Le dottrine talmudiche anticristiane e immorali sono accertate. E’ un dato di fatto storico anche che gli ebrei nel corso dei secoli fino ai nostri giorni hanno perpetrato in massa le infamie riferite dal Talmud. Ma l’ebreo che vive oggigiorno è ancora realmente legato al Talmud? E’ una questione di grande importanza. Infatti non è la stessa cosa se il popolo ebraico se ne va per la sua infame strada seguendo solo l’istinto della sua razza oppure se dietro a tutte queste macchinazioni ebraiche c’è il Talmud, il quale , per la sua autorità religiosa assoluta, costituisce la causa di ogni male.’ (5°)
E’ anzi essenziale che si riconosca nell’incidenza del trattato religioso , il principale responsabile dell’essenza diabolica che si cela dietro l’Internazionale Ebraica. Per un ebreo che rispetta il Talmud non possono sussistere dubbi: cristiani o mussulmani, indù o buddisti, americani o cinesi, russi o africani , l’insieme dei popoli non ebrei , dei Goym , dev’essere ammazzato, perché impuro, perché indegno di affiancare la razza eletta d’Israele.
Cosi’ il non ebreo , il Goym , diventa forzatamente un idolatra, un pagano, anche se adora un solo Dio , cosi’ come era già accaduto in passato con il popolo ammonita e con quello moabita , discendenti di Lot , che pure discendevano dalle storiche 12 Tribu’ d’ Israele.
Per l’ ebraismo dunque qualsiasi religione o credo  distinto dalla Torah e dall’ appartenenza razziale ad Israele assume connotazioni idolatriche , quindi blasfeme e condannabili teologicamente a servire il ‘popolo eletto’ o a venire da quest’ ultimo sterminate. (6°)
Analizzeremo compiutamente cosa dicono in proposito i trattati talmudici e kabalistici sui rapporti di qualsivoglia tipo con i non ebrei , qua li disposizioni sono state consegnate dal Sinedrio al suo popolo e come quest’ ultimo le ha a pplicate alla lettera , praticando indisturbato nell’ arco di tremila anni un fanatico razzismo fondamentalista ed esclusivista.

Note   
1° - Epiphanius – ‘Massoneria e Sette Segrete. La Faccia Occulta della Storia’ edizioni
sconosciute, Trento 1993
2° - Eliphas Levi Zahed (1810-1875) , noto occulti
sta del XIX° secolo , si chiamava in realtà
Alphonse Louis Constant, prete apostata che rinnovò
completamente il modo di studiare i segreti
kabalistici e l’occultismo. Membro della Società Ro
sa-Croce , fu autore di numerose opere fra le
quali la principale ‘La Chiave dei Grandi Misteri’
(1871) si riproponeva di svelare i misteri della
Kabala trattando i principali libri d’ispirazione t
almudica: lo Zohar, il Sepher Jezirah, la
Claviculas Salomonis. Autentico ispiratore di una f
olta schiera di occultisti cristiani, il Levi
diede le chiavi del suo sapere ad un altro grande e
soterista , il martinista Stanilas De Guaita.
L’influenza esercitata dal Lev nel sottobosco neo-s
piritualista ed occultista dell’intero XIX°
secolo è considerevole anche alla luce dei numerosi
contatti con ambienti del palladismo, della
teosofia, del martinismo e simili.
64
3° - Ha scritto Giuseppe Panonzi: ‘...dopo sette sec
oli di vita materiale , (gli ebrei ndr)
sollevarono l’intelletto a più spirabili aere, ebbe
ro accademie e rinomate scuole, a Narbona,a
Beziers, a Montpellier, a Marsiglia, nella diocesi
di Maghelona , ed altrove, e si resero famosi i
loro rabbini, fra cui rabbi Salomone Jarchi, ... dott
issimo nelle lingue antiche e nella filosofia,
riuscì grande nella interpretazione dei libri sacri
e del Talmud....Si resero illustri pure i tre
rabbini Kimchi Giuseppe e i suoi figli Mosè e David
, che ci lasciarono una grammatica ed un
lessico ebraico.... Fiorì l’autore dello Zohar...fiorir
ono il filosofo Joseph ben Zadik ed il teologo
Abraham Ibn Daud che compose il suo libro ‘della Fe
de Sublime’. Superiore a tutti però fu il
rabbino Maimonide AbuAmram Musa ben Abdallah, ovver
o Mosè ben Maimon, che nazque a
Codova nel 1135 e morì nel 1204. ....Maimonide fu pri
mo medico del sultano Saladino. Cultore
e difensore di Maimonide fu Levi ben Gerson 8Ralbag
) autore del Milchamod Adonai lavoro
lodato da Pico della Mirandola, dal Reuchlin e dal
Kepler.’
Per ulteriori informazioni si veda di Giuseppe Pano
nzi ‘L’Ebreo attraverso i secoli e nelle
questioni sociali dell’età moderna’ edizioni anasta
tica Arnaldo Forni, Bologna 1991
dall’originale edita in Treviso nel 1898.
4° - L’INTERNAZIONALE EBRAICA – ‘I Protocolli dei S
avi Anziani di Sion’ – edizione de
‘La Vita Italiana – Roma 1938 , estratto dal Protoc
ollo numero 1.
5° - Johannes Pohl – ‘Il Talmud’ articolo estratto
da ‘AA.VV. – ‘Studi sul Talmud’ edizioni
‘All’Insegna del Veltro’ , Parma 1992
6° - recita in proposito il maestro rabbino Simon b
en Yohaj , in una raccolta di tre suoi detti
(Yer.Kid. 66c, Massek, Soferim XV, 10 Mek Beshllah
27 a Tan .Waera eed. Buber 20) : ‘Tob
shebe Goyym harog’ (= il Migliore dei Gentili dev’e
ssere ammazzato) citazione estratta dalla
‘The Jewish Encyclopedia, New York 1901-1906, Vol.
V , pag. 617.

Tratto dahttp://www.vho.org/aaargh/fran/livres10/BELLUgoverno.pdf

 

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license