I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Ma questo chi è? Herman Van Rompuy, il burocrate non eletto del gruppo Bildenberg a capo del Consorzio Europeo [196]

26 Agosto, 2012 | Category : Attualità | Author: Fonte | Condividi | Commenti

L'uomo spettinato che vedete in foto non è stato eletto da nessuno, non è nemmeno parlamentare europeo, ma dal 2009 è Presidente del Consiglio europeo, cioè colui che presiede e coordina i lavori del Consiglio europeo ed è il principale rappresentante dell'Unione Europea nelle sue relazioni esterne: praticamente il Premier (o Primo Ministro) d'Europa. Non solo, dal 2011 è anche il presidente del vertice Euro, carica a cui ci si riferisce informalmente come "Mr. Euro". 

Van Rompuy

Qualcuno ha mai sentito parlare quest'uomo in televisione o ha mai ascoltato o letto il suo pensiero e programma politico? Qualcuno ha votato costui? Ma chi è? Che cosa sta succedendo in Europa? Perchè le decisioni sono prese dall'alto senza coinvolgere i cittadini? Semplice, perchè il mostro Europa non è una democrazia!

cosa-europa.jpgChe cosa è l'Europa? Uno stato? No! Una federazione di Stati? No! Una unione politica? Nemmeno! E allora che cosa è? E' un astratta entità politica che a livello fenomenologico, cioè per come si comporta e manifesta all'esterno di se stessa, assomiglia ad una società di tipo consortile che consiste nel supportare le imprese consorziate nella disciplina o nello svolgimento in comune delle rispettive attività economiche.

Quindi, qualcosa di assolutamente nuovo sullo scenario della storia poltica e che poco ha a che fare con l'idea di democrazia occidentale. Infatti, tutto l'impianto europeo si basa su una serie di contratti che politici compiancenti e burocrati antidemocratici, stipulano sulla testa dei cittadini e che, contratto dopo contratto, erode quote sempre più consistenti, di sovranità nazionale.

Inoltre, è ormai chiaro che l'unica preoccupazione del Consorzio Europeo è di tipo economico (come in una impresa privata!). I rapporti tra gli stati aderenti al Consorzio Europeo, e i rapporti di questi con la BCE - il molok privato che "presta" il denaro agli stati dietro interesse - sono animati da una mentalità e uno spirito esclusivamente di tipo economico: diminuire il "debito" con la banca, regolare gli scambi economici tra i soci, dare garanzie per ulteriori prestiti (vedi la Grecia). Insomma, tutte attività che fanno le imprese. Quindi, nella mentalità dei burocrati europei, gli stati sono delle ditte che producono, possono essere in attivo o in passivo, possono fallire. Ora, in questa logica di tipo economico, c'è spazio per la democrazia elettiva? Pare di no, e vediamo perchè.

 

Van-Rompuy-01.jpgHerman Van Rompuy

solo al guardarlo ti fa incazzare. Un uomo grigio, spettinato, ma soprattutto sconosciuto! La carica che ricopre, quella di Presidente del Consiglio Europeo, è la carica più importante del Consorzio Europeo. Ecco, possiamo definirlo una sorta di Amministratore Delegato del Consorzio Eurozona. Dal 2011 è anche il presidente del vertice Euro, carica a cui ci si riferisce informalmente come Mr. Euro. Rimane la domanda più importante: chi è e chi l'ha messo lì? Chi diavolo l'ha votato a questo uomo così brutto e gelido? Eppure, rappresenta 500 milioni di cittadini europei. [Leggi].

Il Consiglio europeo è un organo che si riunisce periodicamente per esaminare le principali problematiche del processo di integrazione europea (in verità fa di più, molto di più!). Con il Trattato di Lisbona, entrato in vigore il 1º dicembre 2009, è una delle istituzioni dell'Unione europea e ha un presidente, eletto per due anni e mezzo. Il Trattato di Lisbona è intervento anche sull'elezione e il ruolo del del presidente del Consiglio europeo, rendendola una carica stabile, che viene assegnata dal Consiglio europeo stesso a maggioranza qualificata. Il mandato dura due anni e mezzo ed è rinnovabile una volta sola. Le ipotesi di un'elezione diretta del presidente vennero scartate, troppo democratiche!

La definizione del ruolo e delle funzioni del presidente fornita dal Trattato è tuttavia piuttosto vaga e molto è lasciato all'interpretazione del ruolo che ne dà la persona incaricata di ricoprirlo, e in particolare all'interpretazione che ne dà il primo presidente stabile. In particolare, Herman Van Rompuy, detto lo spettinato, ha interpretato in maniera molto inquietante il suo ruolo, dimostrando un (prevedibile) spirito antidemocratico e di ingerenza nei confronti della politica greca e di quella italiana. Ma per capire meglio, leggiamo qualche dichiarazione di questo essere irreale:

 

19 Novembre 2009

«Il 2009 è anche il primo anno di governo globale, con la creazione del G20 nel bel mezzo della crisi finanziaria globale. La Conferenza sul Clima di Copenaghen sarà un altro passo avanti verso il governo globale del nostro pianeta», frase testuale detta nel suo primo discorso ufficiale, dopo l'insediamento. [Leggi].

 

11 Novembre 2010

«Gli Stati Nazionali Sono Morti»: il Capo dell'UE afferma che la convinzione che i paesi possano stare da soli è una "menzogna e un'illusione" - [Leggi].

 

11 Novembre 2011

«Questo Paese ha bisogno di riforme, non di elezioni», riferendosi all'Italia durante l'inaugurazione dell'anno accademico dell'Istituto universitario europeo, a Fiesole. Chi è costui per dire agli italiani quando è il momento delle lezioni o delle riforme? Herman Van Rompuy? Mario Monti, che nemmeno è stato eletto dagli italiani, ed è Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana? Chi decide quanto tempo deve rimanere in carica? Chi decide quando votare?

Durante il discorso di Van Rompuy, è andata in scena un pacifica e organizzata contestazione da parte di decine di studenti "indignati", anche dell'Istituto universitario europeo. Dieci ragazzi hanno esibito cartelli con la domanda «democracy?». In un paio di passaggi del discorso di Van Rompuy, gli studenti, e tra loro anche alcuni ricercatori, hanno riso e commentato ad alta voce (E meno male..!). [Leggi].

 

24 Maggio 2012

«Noi vogliamo che la Grecia rimanga nell'Euro», in una dichiarazione informale dopo un simpatico banchetto offerto gentilmente dai cittadini europei ai membri del Consiglio. Come mai lo spettinato non si è posto il problema di cosa vogliono i cittadini della Repubblica Ellenica?  [Leggi].

 

28 Giugno 2012

«Siamo seri, stiamo facendo cose serie»: il presidente della Ue Herman Van Rompuy, secondo quanto si apprende, ha "gelato" le aspettative di leader e cronisti che avevano chiesto di vedere Italia-Germania, facendo una pausa nei lavori del vertice Ue e sintonizzando i maxischermi della sala stampa sulla partita.

Proprio nella sala stampa la vendita della birra del vertice Ue è stata vietata a partire dalle 21. «Per tassativo ordine della direzione», hanno spiegato gli addetti al bancone. Normalmente gli alcolici sono serviti, durante i consigli europei, fra le 19 e le 23. «Ma oggi fa caldo, c’è la partita» e si vuole evitare di surriscaldare l’atmosfera. [Non sono un appassionato di calcio, ma il rigore e il grigiore di questo uomo mi inquietano... stiamo facendo cose serie, non come voi stronzi inutili!]. [Leggi].

 

Ma chi è il Hermann, il Burocrate spettinato?

Herman%20Van%20Rompuy-02.jpg

La decisione di nominare presidente permanete della nuova Unione europea disegnata dal Trattato di Lisbona il belga Herman Van Rompuy - membro del partito dei Cristiani Democratici Fiamminghi e appassionato di poesia giapponese - è stata presa la sera del 12 novembre in una cena a porte chiuse nel Castello di Hertoginnedal, alle porte di Bruxelles. 

A organizzare la cena, cui ha parteciapto lo stesso Van Rompuy, il famoso Bilderberg Club: il più potente, riservato e discusso organo decisionale privato del mondo che dal 1954 riunisce i vertici politici, finanziari, industriali, militari e mediatici dei paesi occidentali.

Secondo la indiscrezioni apparse sulla stampa belga, in particolare sul quotidiano De Tijd (poi riprese anche dal Times di Londra), durante la cena il futuro presidente europeo ha dichiarato che una volta in carica si sarebbe fatto promotore di una tassa europea, compresa una tassa sui voli aerei, una tassa sui carburanti e l'IVA europea, così da formare un unico canone che andrà direttamente nelle casse di Bruxelles.

Proprio nel Castello di Hertoginnedal, di proprietà della famiglia reale belga e in passato sede di un antico priorato religioso femminile, nel 1956 si tennero i primi negoziati per la creazione della Cee e dell'Euratom, embrioni dell'odierna Unione europea. «Dobbiamo prendere in seria considerazione la possibilità di raccogliere le imposte a livello europeo, e per la prima volta i grandi paesi dell'UE sono disponibili ad una cosa simile», ha detto Van Rompuy, secondo quanto scrive il giornale olandese, DeTüd.

Van Rompuy, nonostante il suo apparente basso profilo, è da tempo un frequentatore sia del Bilderberg Club che della Commissione Trilaterale, altro potente organismo sovranazionale fondato e presieduto da David Rockefeller (di cui è componente anche Mario Monti, attuale presidente del Consiglio dei Ministri, n.d.r.) Secondo un articolo del DeTüd, Van Rompuy ha avuto colloqui con il Presidente del Gruppo Bilderberg, Etienne Davignon, che all'inizio di quest'anno si è vantato nel giornale EU Observor che il Gruppo Bilderberg è stato all'origine della creazione della moneta unica europea, l'Euro, negli anni 50. [Fonte - Fonte].

 

Nigel Farage, l'ultimo difensore della democrazia

nigel-farage.jpgNigel Farage è un europarlamentare inglese, eletto nelle file del partito ultraconservatore di estrema destra ed euroscettico UKIP, e dal momento della sua elezione al parlamento europeo, avvenuta l'1 luglio del 2009, i suoi interventi video hanno cominciato ad impazzare nella rete internet e su youtube. Insieme ad altri euroscettici, ha fondato il gruppo parlamentare Europa della Libertà e della Democrazia, ponendosi subito in aperto contrasto con i commissari, consiglieri e i funzionari europei non eletti dal popolo ma nominati dall'alto della Commissione Europea e del Consiglio dell'Unione Europea.

Il bersaglio preferito del sagace europarlamentare inglese è stato fin da subito il presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy, che da perfetto anonimo primo ministro belga è stato a sorpresa nominato alla carica più prestigiosa dell'Unione Europea il 19 novembre del 2009.

Al momento della presentazione al parlamento europeo, nel dicembre del 2009, il presidente del Consiglio Europeo fu subito attaccato da un intervento di Nigel Farage che rivolto a Van Rompuy chiese: «Ma lei chi è? Chi l'ha votata? Da quale porta è entrato?». Di seguito mostriamo in video dell'intervento di Farage contro Von Rompuy. Un secondo video, più in basso, una interessante intervista a Nigel Farage, realizzata da Byoblu, assolutamente da non perdere. La dittatura europea avanza velocemente e questo è un altro passo avanti verso una dittatura mondiale controllata dal gruppo Bilderberg e dalle elite mondiali che ruotano intorno ad esso.  [Leggi].

 


First Page
First Page
First Page
Last Page

 

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license