I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Google tra misteri e complotti

   
12 Marzo, 2014 | Category : Attualità | Author: Fonte | Commenti  

grotta-Qumran

Google, una serie di servizi internet a disposizione di tutti: ci mette a disposizione un browser per navigare in rete, possiamo avere un blog gratuito, una e-mail capientissima, vedere seppur a bassa definizione, la Luna e Marte in tutta la loro superficie, vedere in dettaglio aggiornato all’incirca ogni tre mesi, tutto il nostro pianeta, possiamo persino segnare punti dove ci sono cose che ci interessano per rivederle o condividerle, ecc. ecc..

Ma cosa c’è alle spalle di questa mega impresa? Tutto è di dominio pubblico, o Google lavora per il governo e si espande per secondi fini? Proviamo a porre delle domande che in molti non si pongono, ma che aprono possibili scenari a volte anche inquietanti oltre che enigmatici.

La località aeroportuale dove Google ha acquistato parte del terminal

La zona dei terminal acquistata da Google

Google ha un giro di affari annuo di miliardi di dollari, sta acquistando in tutto il mondo strutture, ma soprattutto negli States effettua acquisti di milioni o decine di milioni di dollari apparentemente senza senso, vediamone alcuni. Primo tra tutti l’acquisto di 29 acri del terminal dell’aeroporto di San Jose vicino a San Francisco per ben 82 milioni di dollari, dove potranno arrivare i più grandi aerei in servizio; di recente aveva già comprato 42 acri di aerodromo all’Ames Research Center della NASA per costruire uffici, al costo di 3 milioni di euro l’anno con un contratto per i prossimi 50 anni obbligatori. Ora ha anche acquistato l’Hangar One ed il terreno dove si trova, che fino a poco tempo fa erano in gestione della NASA.

Hangar One prima dell'abbandono

L'Hangar One dopo la rimozione del rivestimento ad opera dell'US NAVY per la pulitura da sostanze tossiche

La misteriosa struttura in costruzione ai cantieri della Baia di San Francisco

Uno dei dirigibili di Google che dovrebbero essere usati per creare una rete Wireless nelle aree del pianeta dove non è possibile raggiungerle con i tradizionali sistemi, in pratica farebbero da ponti radio per wireless

L’Hangar One fu costruito prima della II Guerra Mondiale e serviva alla produzione di dirigibili della US Navy e dell’US Air Force. Cosa ci deve fare la compagnia di Google? Perché ha bisogno di 42 acri di uffici vicino alla NASA? Sì, è vero che Google collabora per la mappatura della nostra Selene (Luna) e del Pianeta Rosso, ma non sarebbero giustificati tanti uffici; perché ha bisogno di un Hangar riservato e di un terminal aeroportuale? Sappiamo che ha dei dirigibili e ne sta acquistando altri: a cosa servono? Questi mezzi verranno usati per la mappatura, o per altro? Cosa sta costruendo Google nel misterioso cantiere navale nella Baia di San Francisco?

In un’intervista rilasciata da dirigenti dell’impresa, questi affermano che si tratterebbe di uno spazio espositivo galleggiante, ma secondo alcune ipotesi del complotto si tratterebbe della prima di basi mobili galleggianti in costruzione per motivi ignoti, il misterioso cantiere navale comunque misura 76 metri ed è largo 22. Google ha in effetti la gestione di alcune imbarcazioni stealth usate dalla Marina Militare USA per il trasporto. Ritornando all’Hangar One acquistato da Google, esso porterà all’impresa una spesa di 45 milioni di dollari per la sua ristrutturazione.

In pratica stiamo parlando di spese enormi per un’azienda privata per lo più virtuale, che necessita improvvisamente di parecchie strutture fisiche e sta mettendo in campo sofisticatissime tecnologie ambigue, ed una flotta di dirigibili, aerei, satelliti ed imbarcazioni. Ma per cosa? Staremo a vedere.

Fonte 

 

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license