I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Gli UFO dell’Iran appaiono su una rivista militare

   
22 Ottobre, 2013 | Category : Ufologia | Author: Fonte | Commenti  

Flavio

L’articolo che state per leggere è apparso sulla rivista militare “Combat Aircraft Monthly, vol.14, n°10, del mese di ottobre 2013” e descrive della “strana” attività aerea che ha coinvolto negli anni l’Aeronautica Militare Iraniana (IRIAF). Secondo lo studio intrapreso dalla forze armate dell’Iran, gli oggetti avvistati erano droni della Intelligence statunitense, ma leggendo l’articolo in questione dal titolo “UFO Hunters” ed evidenziando in grassetto alcune parti, gli oggetti non sembrerebbero affatto degli “States“.

Ecco di seguito l’articolo in questione. Buona lettura.

Nel corso degli ultimi 20 anni, i Tomcat della IRIAF (nota Antonio De Comite, Islamic Republic of Iran Air Force), e specialmente quelli della 62a TFS, si sono alzati in volo per intercettare aerei stranieri e sconosciuti, in particolare quelli delle forze della coalizione durante l’operazione denominata ‘Iraqi Freedom‘ nel 2003. In alcuni casi anche i loro Tomcat sono stati impegnati, per esempio, durante il war game del 24 aprile 1997 denomintato ‘Way to Jerusalem‘. Ma le registrazioni di combattimenti più importanti che hanno coinvolto i Tomcat, in questi ultimi tempi, hanno avuto inizio nel 2004. Quando il sospetto programma nucleare iraniano è stato rivelato al pubblico, le nazioni occidentali, guidate dagli Stati Uniti e Israele, hanno ammonito (nota Antonio De Comite, riferito all’Iran) di abbandonare le loro attività nucleari.

Gli Stati Uniti hanno cercato di raccogliere informazioni sulle attività in tre importanti impianti nucleari iraniani: il reattore di Bushehr, su un reattore aggiuntivo ad Arak e sull’impianto di arricchimento del combustibile di Natanz. Un certo numero di UAV da ricognizione (nota Antonio De Comite unmanned aerial vehicle – veicoli aerei non pilotati) è stato inviato per aiutare a raccogliere informazioni per prepararsi per un possibile attacco. A causa dell’incremento dei sorvoli UAV, il Quartier Generare della IRIAF ha richiesto quattro F-4E e quattro F-14A provenienti dal 61°e dal 62° di stanza a Bushehr in aiuto in qualità di intercettori QRA, 24 ore al giorno, tutti i giorni durante l’autunno 2004. Nel frattempo, quattro F-4E provenienti dal 31° TFS e quattro F-14A provenienti dall’81° e 82° TFS sono stati anche tenuti in stato di allerta e, addirittura, sono stati fatti volare di notte sotto il comando di un Boeing 707 e sotto la direzione di un C-130H configurato ELINT/SIGINT. Tra di essi, hanno monitorato lo spazio aereo locale dalle 20.00 alle 06.00 del mattino.

Secondo fonti iraniane, sono stati visualizzati droni della Intelligence della CIA con sorprendenti caratteristiche di volo, tra cui la capacità di volare al di fuori dell’atmosfera, raggiungere una velocità di crociera massima di Mach 10, e una velocità minima pari a zero, con la capacità di librarsi sopra il bersaglio. Infine, questi droni hanno utilizzato un potente ECM (nota Antonio De Comite, campo elettromagnetico) che potrebbe aver bloccato i radar nemici con livelli molto elevati di energia magnetica, interrompendo i sistemi di navigazione.

Queste macchine sono state avvistate più volte dai siti radar a terra della IRIAF, dagli aerei ELINT e posti di comando in volo, e hanno anche presentato alcuni problemi per i voli di routine in formazione notturna della IRIAF di Bushehr. Poiché i droni della Intelligence hanno originato una notevole luce durante le loro foto di lavoro notturne, sono stati soprannominati “oggetti luminosi” dai media statali iraniani. In diversi casi, gli F-14 della IRIAF li hanno affrontati, ma sono stati resi inoperativi nel gestire correttamente i loro sistemi di armamento. In un caso accaduto sopra Arak, nel novembre 2004, l’equipaggio di un F-14A armato con due AIM-9J e due AIM-7-4 avvistò un oggetto luminoso volare vicino l’impianto di acqua pesante del sito di Arak.

Quando il raggio del radar AN/AWG-9 dei caccia ‘dipinse’ l’oggetto, sia il RIO che il pilota videro che il campo radar si interruppe, probabilmente a causa dell’elevata energia magnetica proveniente dall’oggetto che aumentò la potenza delle onde radar riflesse. Il pilota descrisse l’oggetto come essere di forma sferica, con un qualcosa come una postcombustione verde che creava una notevole quantità di turbolenza dietro di esso. L’equipaggio Tomcat ottenne un lock-on (nota Antonio De Comite, situazione in cui il radar riconosce un’oggetto e lo insegue per non farlo fuggire), quando era in volo in un percorso lineare e costante. Una volta che il pilota selezionò un AIM-7E-4 per lanciarlo contro di esso, l’oggetto aumentò la sua velocità e poi scomparve come una meteora.

Dopo tentativi simili per gli F-4E e gli F-14A avvenuti nelle aree di Bushehr, Arak e Natanz , il Quartier Generale della IRIAF ordinò la fine delle missioni di volo contro gli “oggetti luminosi “. Dopo due anni di ricerca sui profili di volo degli oggetti e l’esame dei resti di un esemplare schiantatosi e recuperato nel 2006 (in Iran e poi da parte di esperti in Russia ), l’Iranian Army (nota Antonio De Comite, Esercito Iraniano) ha precisato che erano droni della Intelligence degli Stati Uniti d’America. Tuttavia, i media governativi in ​​Iran hanno tentato di insabbiare tutte le notizie su di essi. Nel 2004 e nel 2005 , quando il pubblico avvistò gli oggetti vicino Arak, Ardebil e Sarab, furono descritti come il pianeta Venere!

Intorno alle 04.20 del mattino del 26 gennaio 2012, un sito radar della Iranian Air Defense Command (nota Antonio De Comite, Comando della Difesa Aerea Iraniana) vicino a Bushehr identificò un aereo sconosciuto in volo verso l’area. Ad un F-14A fu ordinato decollare in azione di scramble (nota Antonio De Comite, intercettazione).

Alle ore 04.30 del mattino decollò proveniente dalla base TFB.6, ma pochi secondi dopo il caccia militare esplose, uccidendo all’istante tutto l’equipaggio. Le cause dell’incidente rimangono un mistero, e l’aereo in questione era uno dei ‘più adatti‘ Tomcat della IRIAF, con le più basse ore di volo della flotta.

La IRIAF ha un programma in corso per modernizzare tutta la sua flotta di F-14 destinazione Baba’ee ed essere a norma entro il 2020. Nel frattempo, l’81°,l’ 82° e l’83° TFS presso la base TFB.8 sono gli ultimi operatori di questo leggendario intercettore. Nel frattempo, gli F-7N di stanza presso la base TFB.8 sono utilizzati, insieme agli F-14A, per l’addestramento tattico. Secondo le fonti più occidentali, 40 F-14 sono ancora pilotabili in Iran, ma il numero reale è un pò più alto.

Traduzione e adattamento a cura di Antonio De Comite tramite Google Translation.

Fonte: UfoFonte http://www.altrogiornale.org/news.php

 

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license