I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.
Link

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Dislosure Project


11 Luglio, 2011 | Category :Ufologia | Author: Fonte| Condividi | Commenti

Di misteri, si sa, è pieno l'universo.

disclosure

Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni.

"Non può essere!", direte voi e magari vi sembrerà incredibile, ma sentite un po’ ciò che ho trovato indagando in rete su un certo Disclosure Project...

La nostra storia ha una data, un inizio e un luogo.

Il 9 Maggio 2001, oltre venti testimoni (tra cui ex piloti militari in pensione e professionisti che avevano lavorato per anni in ambito militare, intelligence, governativo e scientifico) decisero di incontrarsi e condividere la loro esperienza presso il National Press Club di Washington,  DC.

I testimoni (solo una piccola parte degli oltre 500 potenziali testimoni che vorrebbero parlare sotto immunità concessa dal Congresso) raccontarono di alcune indagini militari alle quali parteciparono in prima persona o delle quali vennero a conoscenza direttamente o indirettamente: incidenti UFO con il relativo recupero di cosiddetti corpi alieni, documenti occultati dal governo, sparizioni di persone che osavano sapere troppo.

Il peso di queste testimonianze, complete di documentazione governativa, prove fotografiche e video, stabilisce senza nessun dubbio la realtà del fenomeno, come afferma il Dr. Steven M.Greer, direttore dello statunitense CSETI (Center for the Study of Extraterrestrial Intelligence) e del Disclosure Project.

 

 Ma vediamo (e sentiamo) da vicino, le dichiarazioni di alcuni testimoni.

Nel video che vi propongo ora, Donna Hare, ex illustratrice della NASA con un lasciapassare Top-secret, giurò, di fronte a un pubblico attonito, che tracce di UFO ed entità aliene di qualsivoglia genere venivano cancellate di continuo dalle foto scattate dallo spazio dalle navicelle spaziali prima di venire pubblicate. Non solo, ella stessa ne vide di diverse e conobbe personalmente ufficiali ai quali fu chiesto di eliminare ogni prova dell’avvenuto incontro del terzo tipo. Ma non finisce qui. La Hare dichiarò, inoltre, che anche gli astronauti dell'Apollo videro parecchi UFO ma fu loro ordinato di tacere ("...that we should keep quiet") dalle autorità.

 

 A metà del 1986 ad Anchorage, in Alaska, i piloti di un 747 della Japan Air Lines si trovarono di fronte un oggetto lampeggiante non identificato, grande almeno sei volte il loro velivolo, che si avvicinò a loro prima di scomparire nel nulla. I militari non esitarono a fare rapporto al FAA (Ente federale per l'aviazione civile) di cui, allora, era a capo John Callahan.

Callahan raccolse le testimonianze finché la CIA gli intimò di dimenticare l'accaduto e di fingere che non fosse mai successo.

Callahan finse di dimenticare fino al giorno in cui rivelò tutto pubblicamente, proprio durante il Disclosure Project.

 Michael Smith, ex-controllore del traffico aereo dell'USAF, negli anni '60 e '70, avvistò un UFO una notte di un giorno imprecisato. Anche a lui, come accadde a John Callahan, fu intimato di non farne parola con nessuno. Ma Smith ebbe ulteriori prove dell'esistenza degli UFO e li incontrò una seconda volta, quando, in una base del Michigan, vide ciò che definì DISCHI VOLANTI in procinto di atterrare.

 Ma ci sono altre fotografie che non furono mai viste.

Quelle che, ad esempio, vide Karl Wolf, sergente dell'USAF, quando fu assegnato alla NSA. Wolf raccontò che, quando gli USA mapparono la superificie oscura della Luna, prima dell'allunaggio del 1969, scoprirono strutture artificiali di strana fattezza.

 

Tutte queste testimonianze proverebbero una sola cosa, ovvero, la veridicità degli UFO.

Ma perché non parlarne? Perché tenere il mondo all'oscuro di queste inquietanti presenze? Molti hanno dichiarato che il motivo sarebbe da ricercare nelle tragiche conseguenze e nel grande impatto che una scoperta del genere avrebbe nella nostra società.

In primo luogo, ciò implicherebbe un sovvertimento generale dell'energia come la conosciamo oggi.

Non è un mistero, infatti, che la maggior parte dei cittadini del mondo viene tenuto in uno stato di guerra perenne, povertà e fame. Ma, come hanno dichiarato in molti, come vedremo a breve, c'è qualcosa di ancora più grave che si cela dietro al mistero degli UFO.

La testimonianza più sconvolgente è quella di Carol Rosin, primo manager donna delle Industrie Fairchild e portavoce per Wernher Von Braun negli ultimi anni della sua vita. La Rosin rivelò, durante il Disclosure Project, in data 9 maggio 2001, ovvero prima dell'11 settembre, la strategia del terrore adottata dai governi da decenni.

Parlò, in particolare, di una politica del terrore attuata attraverso pericoli inventati quanto spaventosi: il blocco sovietico, il terrorismo islamico, gli asteroidi e infine gli extraterrestri, che furono chiamati "The last card”, ovvero, l’ultima carta.

E, a questo proposito, vi dice niente il terrorismo islamico? Vi dice nulla l'asteroide che, non molto tempo fa, fu stato fatto esplodere dal governo USA, o il satellite impazzito di appena qualche giorno fa?

17:31 Scritto da: skylineit in UFO E INCONTRI DEL TERZO TIPO |

First Page
First Page
First Page
Last Page

 

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license