I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Nasa: Colonizzare Marte tra 20 anni. "Chi partirà non potrà più tornare sulla terra" [182]

15 Agosto, 2012 | Category : Ufologia | Author: Fonte | Condividi | Commenti

 marte_vista_dalla_terra

Gli eventuali futuri colonizzatori di Marte dovranno avere almeno 60 anni. Le prime indiscrezioni sulle possibili identikit degli astronauti designati a partire per un viaggio senza ritorno cominciano a trapelare. Dunque, che ci piaccia o no, il progetto di colonizzazione del pianeta rosso si fa sempre più concreto.

 Dirk Schulze-Makuch, professore della Washingotn State University, si è pronunciato al riguardo in un articolo. Se molti si interrogano sui problemi etici relativi ad un allontanamento a vita di questi uomini, c’è chi chiarisce subito che gli astronauti dovranno essere convinti di non poter più far rientro sulla Terra.

I costi sarebbero proibitivi per un viaggio di andata e di ritorno. Per non parlare del fattore tempo. Due scienziati che si stanno occupando di pianificare nei dettagli il programma, propongono che la missione cominci con l’invio di due navicelle il cui equipaggio sia formato da due persone sessantenni. Questi voleranno separatamente e le loro astronavi dovranno servire come quartier generale durante l’intera permanenza. Solo successivamente seguiranno gli invii regolari di altri ‘coloni’ e di rifornimenti.

Come è noto ormai da un mese, ossia dal momento in cui la notizia è stata diffusa dalla Nasa, l’ambizioso progetto è stato denominato 'Hundred Years Project'. Il primo a parlarne fu Pete Worden dal Nasa Research Centre, attirando su di sé una scia di opinioni contrastanti. Oggi, Schulze-Makuch e Paul Davies, un fisico dell’Arizona State University, prospettano che il viaggio di sola andata possa iniziare già tra una ventina d’anni.

Anche la scelta dell’età degli astronauti non è un caso: la missione esporrà il fisico della persona a delle forti radiazioni. Queste danneggeranno irrimediabilmente gli organi riproduttivi degli astronauti. Inoltre, il volo verso Marte ha una durata di sei mesi. Ciò comporterà una riduzione della durata della vita a causa del fattore temporale legato alla distanza Terra-Marte. E lo scenario che troveranno ad accoglierli sarà del tutto ostile alle peculiarità umane: atmosfera rarefatta, acqua ghiacciata, diossido di carbonio e, chissà, anche qualche segno di vita aliena.

Tagliando sui costi di carburante necessario per il rientro e sugli indispensabili rifornimenti, la missione potrebbe costare l’80 per cento in meno. Ma la questione su cui si dibatte è che ai cosmonauti non verrà proposta una ‘missione suicida’. “Gli astronauti andranno su Marte con lo scopo di vivere lì per il resto dei loro giorni”, scrivono Davies e Schulze-Makuch.

Adesso, quel che preoccupa di più è il reperimento del denaro sufficiente a finanziare il progetto. Ciò che occorre è “un miliardario eccentrico”, per dirla con le parole di Schulze-Makuch. E già affiorano i primi nomi dei possibili finanziatori: l’inglese Richard Branson, il fondatore di PayPal, e Jeff Bezos, l’ideatore di Amazon.com.

La fantascienza che diventa realtà, dunque. Quel che eravamo abituati a vedere sui grandi schermi, di persone che soccombono alla depressione o alla pazzia, vittime di alieni o dei propri computer, si sta concretizzando. E l’aspetto psicologico, infatti, non è da trascurare. Pensiamo allo stress da abbandono al quale questi colonizzatori del terzo millennio saranno sottoposti. La letteratura scientifico-psichica ci parla proprio di questo: di menti irrimediabilmente compromesse. Siamo proprio sicuri che (anche) questo sia il giusto prezzo da pagare in nome della scienza?


First Page
First Page
First Page
Last Page

 

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license