Agartha e la Thule Gesellshaft

homepage

02 Febbraio, 2016 | Categoria: Esoterismo | Commenti


la-societa-thule

Nel 1917 l’occultista Barone Rudolf Von Sebottendorf, il discepolo di Gurdjeff Karl Haushofer, il pilota asso dell’aviazione Lothar Waiz, il Prelato Gernot della segreta “Societas Templi Marcioni”, (Gli Eredi dei Cavalieri Templari) e Maria Orsic, una medium trascendentale di Zagabria si incontrarono a Vienna. Ciascuno di loro aveva studiato estensivamente la “Golden Dawn”, i suoi insegnamenti, i rituali e specialmente la sua conoscenza delle segrete Logge Asiatiche. Sebottendordf ed Haushofer erano sperimentati viaggiatori di India e Tibet  e molto influenzati dagli insegnamenti e dai miti di quei luoghi.
Durante la Prima Guerra Mondiale Karl Haushofer aveva preso contatti con una delle più influenti società segrete Asiatiche, i Tibetani “Cappelli Gialli” (dGe-lugs-pa), costituita nel 1409 dal riformatore Buddhista Tsong-kha-pa.
Haushofer fu iniziato ad essa e giurò di compiere suicidio se avesse fallito la sua missione.
I contatti tra Haushofer e i “Cappelli Gialli” condussero negli anni Venti alla formazione delle colonie Tibetane in Germania.
Le quattro giovani persone speravano che durante questi incontri a Vienna sarebbero venuti a conoscenza di segreti testi rivelatori dei Cavalieri Templari ed avrebbero avuto notizie della fratellanza segreta dei “Signori della Pietra Nera”.   Il Prelato Gernot era un membro degli “Eredi dei Cavalieri Templari” ritenuta da molti composta dai discendenti dei Templari del 1307 che tramandavano i loro segreti da padre in figlio fino ad oggi. Sembra che il Prelato Gernot parlò loro dell’avvento di una nuova era, del cambiamento dall’Era dei Pesci all’Era dell’Acquario.  

La Lotta contro il male
La parte principale della discussione affrontò inoltre  il tema di una sezione del Nuovo Testamento, Matteo 21:43, dove Gesù si rivolge agli Ebrei:
“Così io vi dico che il regno di Dio vi sarà negato e sarà dato a un popolo che produrrà il suo frutto”.
Il testo originale completo custodito negli archivi della “Societas Templi Marcioni” lo affermava anche più chiaramente. Ma il punto era che in quel testo Gesù effettivamente nomina il “popolo”; egli si rivolge ai Teutonici che servivano la legione Romana ed afferma che il popolo ad essere stato scelto era il loro. Questo era ciò che Sebottendorf ed i suoi amici volevano sapere con certezza: i Teutonici, ovvero il popolo Germanico era investito della missione di formare il reame di luce sulla Terra, nella “Terra della Montagna di Mezzanotte” (La Germania). Il luogo dove il raggio avrebbe incontrato la Terra fu stabilito nell’Untersberg vicino a Salisburgo.
Alla fine del Settembre 1917 Sebottendorf incontrò all’Untersberg alcuni membri dei “Signori della Pietra Nera” per ricevere il potere della “Pietra Nera-Porpora”. I “Signori della Pietra Nera”  che si costituirono dalla società Templare Marcionita nel 1221 e furono condotti da Hubertus Koch, avevano stabilito come proprio fine la lotta contro il male e la costruzione del reame di luce di Cristo. Questo potere oscuro che essi combattevano si era rivelato nel così detto Antico Testamento attraverso Mosè ed altri strumenti di Dio, partendo dalla parola YHWH : JAHVEH. Jehovah ad Abramo: “ Io sono il Dio Onnipotente!”, in Ebraico: “Ani ha El Shaddai”, tradotto: Io sono El Shaddai, “l’Arcangelo caduto (Shaddai El) – Shaitan o Satana”.
Sebottendorf riconobbe chiaramente Shaddai, il Dio dell’Antico Testamento come il distruttore, l’antagonista di Dio. I suoi seguaci quindi cercavano di distruggere la Terra, la Natura e l’Umanità; i suoi seguaci erano quindi i credenti nella Legge Mosaica, gli Ebrei.

Esoteristi e "politici"
Ancora oggi molte persone si chiedono perche Hitler si scagliò contro gli Ebrei. Negli occhi della Thule Gesellschaft, da cui più tardi emerse il DAP (Partito Germanico dei Lavoratori), il NSDAP (Partito Germanico dei Lavoratori Nazional-Socialisti) e le SS (Schutzstaffel), il popolo Ebreo che era stato incaricato dal dio del Vecchio Testamento Jahveh di “far insorgere la distruzione sulla Terra”, era la causa di tutta la guerra e la discordia che affliggeva il mondo.
I membri della Società Thule conoscevano i sistemi bancari Ebraici,  la famiglia Rothschild ed i loro alleati, i “Protocolli degli Anziani di Sion” avevano già seminato profonda inquietudine in Europa ed essi sentivano come loro compito quello di combattere il popolo Ebraico, ma specialmente i loro sistemi bancari e le loro logge.
Alcuni dei più importanti insegnamenti che influenzavano la Thule Gesellschaft era la costruzione della religione Ario-Germanica (Wihinei) del filosofo Guido von List, la Cosmologia Glaciale di Hans Horbiger e la propensione verso il Cristianesimo primitivo ed anti-Antico Testamento dei Marcioniti. Credevano in un Prossimo Salvatore, il “Terzo Sargon” che avrebbe portato alla Germania la gloria e una nuova cultura Ariana.

Meravigliosa Iperborea
Alcuni autori pongono enfasi su un’altra particolare idea che animava la Thule Gesellschaft.
"ULTIMA THULE" viene descritta come la capitale del primo continente popolato dagli Ariani. Tale continente fu chiamato IPERBOREA, più antico di Lemuria e di Atlantide (continenti con culture avanzate finchè furono sommerse).
Gli Scandinavi tramandano un racconto su “Ultima Thule”, la meravigliosa terra nell’estremo Nord, dove il sole mai tramonta e dove abitano gli antenati della razza Ariana. Iperborea si trovava nel Mare del Nord e si immerse durante un’era glaciale. Si presume che gli Iperborei vennero dal sistema solare di Aldebaran che è la stella principale della costellazione del Toro, e che tale popolazione avesse una statura di circa quattro metri, che fossero bianchi, biondi e con occhi azzurri. Essi non conoscevano guerre ed erano vegetariani. Secondo presunti testi di Thule essi furono tecnologicamente molto avanzati e volavano sulle apparecchiature Vril, macchine volanti che oggi chiamiamo UFO.
Questi dischi volanti erano in grado di levitare, di raggiungere velocità estreme e di compiere manovre che si vedono compiere oggi agli UFO, prestazioni ottenute per mezzo di due campi magnetici contrari e rotanti. Essi usavano il cosi detto potere Vril come energia potenziale o carburante (Vril = etere, Od, Prana, Chi, Ki, forza cosmica, Orgone, ma anche dall’accademico "vri-IL" ovvero “simile alla più alta divinità - simile a dio) e prendevano energia dal campo magnetico della Terra.
Quando Iperborea cominciò a sprofondare, si dice che gli Iperborei abbiano scavato con enormi macchine giganteschi tunnels nella crosta terrestre e si siano rifugiati all’interno, insediandosi sotto la regione Himalayana. Il loro reame sotterraneo era chiamato Agartha e la sua capitale Shamballah. I Persiani chiamano questa misteriosa terra “Ariana”, la terra di origine degli Ariani.
Dovremmo qui menzionare il fatto che Karl Haushofer dichiarava che Thule era effettivamente Atlantide e, contrariamente a tutti gli altri ricercatori del Tibet e dell’India, sosteneva che i sopravvissuti di Thule-Atlantide si separarono in due gruppi, uno di buoni e un altro di cattivi.
Quelli che chiamavano gli Agarthi, erano i buoni e si insediarono nella regione Himalayana, i cattivi erano i Shamballah, che volevano soggiogare l’umanità ed andarono ad Occidente.

Agartha e Shamballah
Haushofer sosteneva che la lotta tra il popolo di Agartha e quello di Shamballah era continuata per migliaia di anni e che nel Terzo Reich, la Thule Gesellschaft come rappresentante di Agartha, continuava questa lotta contro i rappresentanti di Shamballah, i Massoni ed i Sionisti.
Il capo di questa regione sotterranea veniva chiamato Ridgen Jyepo, il re del mondo, con il suo rappresentante sulla superficie della Terra, il Dalai Lama. Haushofer era convinto che la terra sotto l’Himalaya era la terra di origine della razza Ariana, ed affermava di averlo confermato nei suoi viaggi in India e in Tibet.
Il simbolo di Thule era la swastika antioraria. Lama  Tibetani e lo stesso Dalai Lama in persona testimoniavano che il popolo di Agartha era ancora vivo ed esistente. La civiltà sotterranea ancorata in quasi tutte le tradizioni Orientali si sarebbe diffusa nei millenni sotto tutta la superficie della Terra con enormi centri sotto il deserto del Sahara, il Mato Grosso e le montagne di Santa Catarina in Brasile, lo Yucatan in Messico, il Monte Shasta in California, l’Inghilterra, l’Egitto e la Cecoslovacchia.

La Terra Cava
Sembra che proprio Hitler desiderasse in modo speciale scoprire le entrate al mondo sotterraneo di Agartha ed entrare in contatto con i discendenti degli Ariani, il popolo di Dio proveniente da Aldebaran-Iperborea.
Nei miti e nelle tradizioni del mondo sotterraneo si dice spesso che la superficie del mondo deve ancora soffrire una terribile guerra mondiale che sarebbe terminata con terremoti, ed altri disastri naturali, con lo spostamenti dei poli e la morte di più di due terzi dell’umanità.
Dopo questa “ultima guerra” le diverse razze della Terra Interna si sarebbero riunite con i sopravvissuti sulla superficie ed il millennio dell’Età dell’Oro, l’Età dell’Acquario, sarebbe sorta.
Hitler voleva costruire un’Agartha “esterna” con gli Ariani come razza madre, e la Germania avrebbe dovuto essere la sua patria. Durante l’esistenza del Terzo Reich due grandi spedizioni furono inviate dalle SS in Himalaya per trovare quegli ingressi. Ulteriori spedizioni li cercarono sulle Ande, nelle montagne del Mato Grosso nel Nord e le montagne di Santa Catarina nel Sud del Brasile, in Cecoslovacchia e in alcune zone dell’Inghilterra.
Alcuni autori affermano che i membri di Thule credessero che, del tutto indipendentemente dai tunnels e dal sistema di città sotterranee,  la Terra fosse Cava, con due grandi aperture ai poli. A rafforzare questa tesi venivano portate le leggi della Natura, il “Come sopra così Sotto”. Dato che le cellule del sangue, del corpo e dell’uovo, le comete e gli atomi, tutti hanno un nucleo ed uno spazio cavo che le circonda e che è, a sua volta, rinchiuso da un involucro, e dato che la vita effettiva ha luogo nel suo centro, si può presumere che la Terra sia costituita con gli stessi principi.
Perciò la Terra doveva anche essere cava, apparentemente in accordo con la visione dei Lama Tibetani e dello stesso Dalai Lama, ed aveva un nucleo, il sole centrale (anche chiamato “Schwarze Sonne, il Sole Nero) che dava all’interno un clima sempre temperato ed una luce solare permanente, corrispondente nel microcosmo al sole centrale della galassia nel macrocosmo.
Sostenevano che la vita effettiva del nostro pianeta ha luogo nell’interno, che le razze madri vivono all’interno ed i mutanti sulla superficie. Secondo questo principio il motivo per cui non si trovano abitanti all’esterno degli altri pianeti del nostro sistema solare sarebbe spiegato dall’esistenza della vita e di civiltà all’interno di essi.
Come detto le entrate principali dovrebbero essere ai poli Nord e Sud, aperture attraverso le quali risplende il sole centrale producendo le aurore boreali.
Nell’interno la massa terrestre dovrebbe essere superiore alla massa d’acqua. Gli esploratori polari Olaf Jansen ed altri dissero che l’acqua nell’interno è dolce, cosa che potrebbe spiegare perché il ghiaccio dell’Artico e dell’Antartico è composto di acqua dolce e non di acqua salata. E’ interessante notare che questa visione della costituzione del mondo è condivisa e supportata dagli esploratori polari Cook, Peary, Amundsen, Nansen e Kane e, ultimo ma non ultimo, l’Ammiraglio E.Byrd. Tutti ebbero la stesse, strane esperienze che contraddicevano la teoria scientifica.
Tutti hanno confermato che dopo i 76 gradi di latitudine i venti diventano più caldi, che gli uccelli volano a nord oltre il ghiaccio, che anche gli animali come le volpi si muovono verso nord, che trovarono neve colorata e grigia che quando disciolta depositava pollini colorati o cenere vulcanica. La domanda che sorge è: da dove vengono pollini di fiori o cenere vulcanica vicino al Polo Nord, dato che nessun prato fiorito ne un singolo vulcano sono segnati su qualsiasi accessibile mappa?
Inoltre alcuni degli esploratori si ritrovarono in acqua dolce, e tutti dicono che ad un certo punto del loro viaggio videro due soli. Furono trovati negli iceberg dei mammuth la cui carne era ancora fresca e il cui stomaco conteneva erba verde.
Finora la teoria della “Terra Cava”, per il pubblico, è rimasta solo una teoria, sebbene alcuni autori ed esploratori dichiarino di aver visitato misteriosi territori interni e, come l’Ammiraglio E.Byrd, di aver scattato numerose fotografie. Non può essere negato che tutti gli esploratori Artici hanno avuto esperienze straordinarie  che finora non possono essere spiegate, e che mettono in evidenza che qualcosa di strano sia effettivamente accaduto.
Ma la teoria che la Terra ha un cuore fuso e incandescente è ugualmente rimasta solo una teoria. Rimane il fatto che i tunnel sotterranei costruiti dall’uomo e i sistemi di caverne esistono, possono essere trovati in quasi ogni paese del mondo ed elementi come la sorgente di luce naturale che illumina i tunnels (un chiarore verdastro che diventa più brillante più ci si addentra nei tunnels), le pareti intagliate artificialmente sono testimonianze di una cultura tecnologicamente avanzata esistita milioni di anni fa.

Venuti dal Cielo
A riprova che la storia degli Ariani Iperborei non fu interamente inventata potremmo menzionare due esempi. Quando gli Spagnoli di Pizarro giunsero in Sud America nel 1532, i nativi li chiamarono i “viracochas” (signori bianchi). Secondo le loro leggende ci fu una razza madre di persone bianche molto alte che, secoli prima, erano discesi in “dischi volanti” dal paradiso. Essi governarono a lungo in alcune delle città e quando scomparvero promisero che sarebbero tornati. Quando gli Spagnoli chiari di pelle arrivarono, i nativi pensarono che fossero loro i viracochas  che ritornavano e, almeno all’inizio, diedero loro spontaneamente il proprio oro.
Una cosa simile accadde quando i primi viaggiatori bianchi arrivarono in Tibet ed altre regioni Himalayane. Essi furono esaminati con sbigottimento dai Tibetani e fu chiesto loro perché mai giungessero da sotto (dalle valli) piuttosto che da sopra come essi abitualmente facevano.
Nonostante molti Tedeschi non abbiano mai sentito nulla riguardo tutto ciò, l’ideologia Nazista Tedesca fu basata sul tema di El Shaddai e la risultante persecuzione degli Ebrei, la Rivelazione di Isaia, la conoscenza dei Templari e possibilmente sui molti miti e racconti della Terra Cava e di Agartha appena citati. Tutte le loro azioni, anche le più spaventose e folli, inclusa la Seconda Guerra Mondiale ed il genocidio di milioni di persone, furono basati su questo.

Fonte

homepage