I segreti del "disclosure project"

Disclosure_projectDi misteri, si sa, è pieno l'universo. Inutile dire che sono innumerevoli i segreti che ci vengono tenuti nascosti come infinite sono le verità celate o semitaciute che non ci verranno mai esplicitamente dette. Una, ad esempio, è che il governo statunitense copre l’evidenza degli UFO da oltre 50 anni. La storia ha una data, un inizio e un luogo.

      On Line

IlluminatiCome dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi.

Urzi
 "È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare". (Paul Hellyer)

link

La Macchina delle copie

copie

Questa volta vogliamo partire da un particolare emerso dai racconti degli addotti in Italia e
ancora prima negli U.S.A. Ad esempio (Linda Porter, 1963 Porterville, California.) la formazione
delle copie,che avviene all'interno di cilindri, sottolineando il fatto che, non vogliamo ripetere
quanto già conosciuto in merito a tale argomento, ma che si vuole soltanto trovare una possibile
spiegazione al funzionamento del meccanismo di copiatura .
Dalla testimonianze raccolte risulta che l'addotto viene introdotto in un contenitore
cilindrico trasparente totalmente immerso in un fluido caldo più denso dell'acqua e meno dell'olio
(così descritto dagli addotti) di colore verdastro dove è possibile respirare.
Il fatto che in poco tempo gli alieni e alcuni fazioni militari, riescano a creare una copia di
un individuo, uguale in tutto e per tutto, (tranne per la caratteristica di avere l'innesto di un' anima),
è molto interessante.

Quel "disco volante" costruito dall'aviazione americana! Declassificati gli schemi tecnici

10 Ottobre, 2012 | Category : Ufologia | Author: Fonte | Condividi | Commenti

Molti avevano sospettato, per lungo tempo, che la US Air Force avesse uno speciale interesse per lo sviluppo di un velivolo a forma di disco volante. A quanto pare, i nostri amici fuffari degli anni '60 non si sbagliavano.

Alcuni documenti dell'Aeronautical Systems Division, USAF (RG 342 - Records of United States Air Force Commands, Activities, and Organizations), declassificati di recente, rivelano che l'aviazione americana stesse davvero sviluppando e sperimentando velivoli del genere, ma con risultati molto diversi da quelli che gli ingegneri avevano sperato.

Avrocar

I documenti mostrano come la US Air Force avesse sottoscritto diversi contratto con società di sviluppo aeronautico ormai non più esistenti. L'archivio nazionale americano ha recentemente pubblicato degli schemi tecnici mai visti prima e alcuni dettagli di un progetto militare avviato nel 1950. Il nome dato all'impresa fu "Progetto 1794" e il suo scopo era quello di costruire un disco volante supersonico.

Il velivolo avrebbe dovuto raggiungere una velocità massima tra Mach 3 e Mach 4, e raggiungere una quota massima di circa 1.000 miglia nautiche. L'immagine di seguito fa parte di un documento intitolato "Project 1794, relazione di sintesi sullo sviluppo finale". Al suo interno è possibile ammirare una riproduzione artistica di quello che sarebbe dovuto essere l'esito finale del progetto. La didascalia recita: "USAF Progetto 1794".

avrocar-ufo-02.jpg

avrocar-ufo-03.jpg

avrocar-ufo-04.jpg

Il "VZ-9-AV Avrocar" era un aereo canadese VTOL sviluppato sulla base degli aeromobili Avro, come parte di un progetto segreto militare degli Stati Uniti effettuato nei primi anni della Guerra Fredda. Furono costruiti due prototipi che sarebbero subentrati ai caccia USAF e US Army.

Nel test di volo, l'Avrocar mostra tutti i problemi irrisolti di spinta e di stabilità che hanno poi convinto i tecnici ad abbandonare il progetto. L'idea era quella di sviluppare un "disco volante" capace di volare nella stratosfera ad una velocità di 2.600 miglia all'ora.

Lo sviluppo di tali veicoli, nel tempo, si è mostrato impossibile, anche per la scarse tecnologia disponibile al tempo dello sviluppo. Il Project 1794 è stato definitivamente abbandonato nel 1960. Quindi, qualunque cosa siano gli UFO visibili ai giorni nostri, una cosa è certa: non si tratta dell'Avrocar!

 

 

 

Copyright © 2008 by PHP-Nuke 8.1 WL-Ed.. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license